Gatto in appartamento, pro e contro di una scelta

di Valentina Commenta

Il gatto è uno degli animali domestici più amati dalle famiglie e spesso si dà per scontata la scelta di inserirli all’interno di un appartamento senza verificare, prima di ogni cosa, quali sono i pro e i contro di questa scelta. E’ noto che i gatti siano capaci di adattarsi con molta facilità ad ogni ambiente: cosa succede quindi all’interno di un contesto abitativo.

gatto che dorme

Gatti vivono bene in appartamento

Va sottolineato che lo stile di vita del gatto è spesso legato al comportamento del proprietario e dello spazio che si ha a disposizione. Inserire un gatto in un appartamento non deve essere considerato come un atto di egoismo: alcune razze prediligono proprio la vita in casa per indole genetica e carattere. Detto questo perché adottare un gatto e farlo vivere in appartamento? La prima risposta è perché lo si può fare: circa 50 anni fa sono nate le prime lettiere per gatti e questo prodotto ha completamente rivoluzionato l’approccio dei padroni ai gatti, che prima di quel momento venivano portati in casa solo se si aveva a disposizione un giardino nel quale consentire loro di fare i propri bisogni.

Di solito non è difficile abituare un gatto a stare in casa, soprattutto se lo si inserisce all’interno della abitazione fin da piccolo: ovviamente molto del suo benessere in casa dipenderà dal carattere. Esemplari paurosi e timidi non avranno paura di rimanere in casa ed essere coccolati dal proprio padrone: caratteri più frizzanti preferiranno poter contare su possibilità di uscita. Quel che è certo è che i gatti amano la routine: per rendere più felici i propri felini basta predisporre una zona solo per loro, con degli spazi di gioco, un tiragraffi per tentare di salvare il proprio mobilio e una cuccia comoda. Ovviamente non devono mancare acqua e cibo, magari messi a disposizione con distributori o dispenser automatici. Quando vivono in casa i gatti:

  • sono più affettuosi
  • sviluppano una vera e propria relazione con il padrone
  • hanno meno problemi di salute
  • meno possibilità di contrarre malattie.
  • non incorrono in particolari rischi evitando zuffe e incidenti.

Contro dell’inserire i gatti in appartamento

gatto finestra

Vi sono anche dei contro nel far vivere un gatto in appartamento, alcuni a discapito dell’animale e altri del padrone: il felino che vive in casa spesso ha meno possibilità di muoversi e questo lo pone a rischio obesità dato che la noia, proprio come accade con gli esseri umani, potrebbe portarlo a mangiare di più.

Il gatto maschio, tra le altre cose, se non castrato potrebbe iniziare a lasciare indizi della sua presenza con schizzi d’urina nell’intera casa, mentre le femmine potrebbero iniziare a miagolare in modo insistente con l’avvicinarsi del periodo dell’accoppiamento. Prendersi cura di un gatto sottintende costo in soldi e impegno nel pulire la lettiera. Siete pronti a tutto questo?

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>