Come educare il gatto per farlo crescere al meglio

di Valentina Commenta

Come educare il proprio gatto per farlo crescere al meglio ed evitare che si trasformi nel “Lucifero” di Cenerentola pronto a far danni? La risposta sta nel comprendere che non è proprio vero che i gatti siano pienamente indipendenti e solitari e che il nostro comportamento abbia più influenza di quel che si crede.

Attenzione a non fare annoiare il gatto

La prima cosa da fare per educare il gatto in modo corretto è quello di dedicargli il giusto tempo, soprattutto se si parla di gattini e dei loro primi mesi di vita: questo periodo è importantissimo, soprattutto perché basilare per abituare questi animali alla presenza umana.  E nel caso di un gatto adulto è importante comprendere che la presenza umana è altrettanto basilare, dato che anche i felini di questa “età” amano la compagnia: il consiglio è quello quindi di ritagliare del tempo per i propri pelosetti almeno tre o quattro volte al giorno e per almeno cinque minuti.

Il segreto per evitare che un gatto si trasformi in una peste è quello di evitare che si annoi: soprattutto se si parla di un gatto di appartamento che è ovviamente confinato tra le quattro mura domestiche. Lo stesso infatti punterà a dare vita a giochi pericolosi soprattutto se si annoierà. È importantissimo non ignorare il gatto: tra le altre cose, osservandolo, sarà possibile notare i segni di un suo eventuale malessere come il rifiuto di usare la cassetta e l’esecuzione delle deiezioni su letto: questo potrebbe significare che sia ora di cambiare la sabbietta e non ce ne siamo accorti. Quando il gatto si avvicina a noi mentre stiamo lavorando, leggendo, giocando a carte, il suo sdraiarsi accanto a noi o sopra a ciò che stiamo facendo di solito è un richiesta di attenzioni o di coccole.

Leggere i comportamenti dei gatti

E’ importante quindi imparare a leggere i comportamenti dei nostri adorati felini: in questo i padroni sono avvantaggiati dalla chiarezza del loro linguaggio del corpo: il movimento della coda, la posizione delle orecchie e degli occhi possono rivelarci molto di più di quel che pensiamo.  E ancora più importante non dobbiamo fare scherzi ai nostri gatti o lasciare che glieli facciano altri componenti della famiglia: i gatti amano le coccole, non essere sbattuti da una parte all’altra della stanza.

Per educare i nostri pelosi dobbiamo essere capaci di dare loro il proprio spazio avendo cura allo stesso tempo di essere presenti e far sentire loro amati e coccolati in ogni situazione.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>