Fragolina, la bacchetta sorda morta di tristezza

di Fabiana Commenta

Si chiamava Fragolina ed era giovane femmina di bracco. È morta, ma non perché avesse problemi di salute: si è lasciata morire di tristezza perché è stata abbandonata quattro volte in quattro anni da quattro padroni diversi. 

 

Bellissima e in salute, ma sorda, Fragolina evidentemente non era utile ai cacciatori che hanno deciso di adottarla salvo poi abbandonarla quando si sono resi conto che era sorda e che era quindi del tutto inutile per la caccia. 

La bacchetta, giovane e in salute, si è praticamente lasciata morire di tristezza dopo l’ultimo abbandono e dopo pochi mesi dall’arrivo nell’Astigiano dal Canavese, all’interno di una nuova casa. 

Benché fosse una cagna dolce e molto bella, è  purtroppo sorda.

Spiega addolorata Laura Masutti, la responsabile della Lida Ciriè-Valli di Lanzo. È lei che si è occupata di Fragolina fin dalla  prima adozione per cercarle un’altra sistemazione quando era piccola. E dopo il quarto rifiuto, Fragolina ha preferito lasciarsi morire per la tristezza preferendo la morte a una vita senza affetti. 

Nonostante fosse in salute, Fragolina si era mostrata prostrata e dimessa anche se non aveva problemi di salute. 

Sono stati quattro i proprietari che praticano la caccia ad abbandonarla senza pietà provocandole tali sofferenze da ucciderla. Per questo, soprattutto con questo tipo di cani, d’ora in poi faremo maggiore attenzione a non darli a cacciatori. 

Spiega Laura Masutti intervistata da Repubblica. 

 

I volontari di L.I.D.A. avevano telefonato alla persona che si era interessata alla cagnolina chiedendo se potesse tenere Fragolina fino a settembre perché non potevano  assisterla direttamente, Ma pochi giorni fa, la persona ha chiamato la L.I.D.A. per avvertire che la cagnolina era morta. Era stata trovata senza vita in un box. 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>