Cani e gatti che hanno paura di luoghi e situazioni particolari

di Redazione 1

Qualcuno crede a storie di fantasmi e curiose presenze, altre persone negano assolutamene che possano verificarsi degli eventi di tal genere, in ogni caso è vero che alcuni edifici o luoghi più in generale, sono in grado di conservare delle energie, positive o negative, legate a chi è vissuto in precedenza in tale tratto di mondo. Non sempre l’uomo è in grado di sentire tali vibrazioni, ma gli animali si, visto che sono estremamente sensibili. Lo stesso vale per determinati eventi trascorsi da molto tempo. Non è raro, quindi, notare che magari un amico a quattro zampe faccia fatica a restare tranquillo in situazioni non sospette o si mostra sempre sulla difensiva. Ovviamente non è il caso di immaginare un fatto del genere, ogni volta che il proprio cane o gatto appare strano, però è una eventualità tutt’altro che rara. I casi avvenuti in passato in tal senso, sono parecchi e confermano, ancora una volta, quanto gli animali abbiano una sorta di marcia in più da tale punto di vista, rispetto a noi che raramente ci accorgiamo di attimi cosiddetti “paranormali” intorno a noi.E’ più facile che ci lasciamo solo suggestionare, dopo un racconto da brivido.

Recenti studi sull’argomento, che ovviamente sono sempre relativi, visto che è difficile entrare in un campo del genere anche per gli scienziati, hanno dimostrato che non sono pochi gli esseri viventi a quattro zampe che si mostrano estremamente sensibili alle energie circostanti e raccolgono quelle legate a terribili situazioni già trascorse o al passaggio di altre persone o animali. Qualcuno sembra addirittura avvertire l’energia della Terra.

Ovviamente, certezze in tali campi forse un uomo non le avrà mai, ma le ricerche continueranno per capire come mai gli animali “sentono” prima e meglio delle persone. Lo stesso vale per eventi quali terremoti o catastrofi naturali. Loro diventano guardinghi e agitati molto tempo prima e, se solo riuscissero ad utilizzare lo stesso linguaggio umano, forse riuscirebbero ad evitare moltissime disgrazie.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>