Cane investito e abbandonato salvato dall’Oipa VIDEO

di Redazione Commenta

Cane investito abbandonato salvato Oipa

Ancora mi sorprendo della cattiveria umana, ma anche della bontà. Una cagnolina, lo scorso dicembre, era stata investita e lasciata agonizzare sull’asfalto con la colonna vertebrale spezzata. Oggi Lola, così si chiama l’amico a 4 zampe protagonista di questa storia a lieto fine, è salva grazie all’intervento tempestivo dei volontari dell’Oipa, che l’hanno soccorsa e fatta trasferire in una clinica veterinaria al Nord dove è stata operata e dov’è tuttora ricoverata per ricevere le cure fisioterapiche.

Lola migliora ogni giorno e ha già raggiunto dei buoni risultati, soprattutto per quanto riguarda la muscolatura degli arti posteriori e i riflessi, e ha tolto il tutore. Oggi appare socievole, felice, sa rapportarsi meglio ai suoi simili e e sembra abbia recuperato anche la fiducia nell’essere umano, che in fondo l’ha tradita. Ma i cani sono così, ti amano incondizionatamente, anche se gli fai del male e nonostante subiscano un torto, sono in grado di porgere l’altra guancia. E noi, quando impareremo a farlo? Quando impareremo a comportarci meglio con tutti gli esseri viventi?

L’Oipa ha messo in campo tutte le sue risorse per aiutare Lola, la fisioterapia è costata 35 euro al giorno, mentre la sede nazionale dell’organizzazione ha comprato un carrellino adatto alla sua misura, sostenendo una spesa di 350 euro. Grazie al carrellino, sarà più semplice darla in adozione e pare che ci sia già una famiglia pronta ad accoglierla. Anche noi possiamo fare qualcosa, non solo per Lola, ma per tutte quelle creature che vengono in qualche modo maltrattate e abbandonate al loro destino. Come? Contribuendo alle spese che l’Oipa e le sue strutture sostengono per gli animali in difficoltà, soprattutto cani di strada, ignorati dalle istituzioni, che non fanno nulla o comunque non abbastanza per arginare il fenomeno del randagismo, come un’adeguata campagna di sterilizzazione, necessaria per il controllo delle nascite. Per aiutare la sezione di Trapani vi consiglio di vistare la pagina apposita.

Via & Photo Credit| Oipa Italia Onlus – Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>