Black dog, adottiamolo il Black Friday

di Redazione Commenta

Oggi ‘Black Friday’, in italiano Venerdì Nero, tradizionale giornata di sconti che segue la festa del Ringraziamento negli Usa, vale la pena celebrare il black dog, il cane nero. Invece di spendere soldi per cose inutili, si possono aiutare i cani neri e senza doverli comprare, ma adottandone uno in un canile. Un modo peri contrastare la ‘black dog syndrome‘, fenomeno che volontari e animalisti conoscono bene. Ma vediamo di capirne di più…

 

primo-piano-cane-nero

 

Avete mai sentito parlare della Black Dog Syndrome, la ‘sindrome del cane nero’? Un pregiudizio sui cani neri esattamente come sui gatti neri,  per cui hanno il più basso tasso di adozione rispetto a qualsiasi altro cane nei canili.

Quelli che alla fine vengono adottati in genere hanno trascorso un tempo circa 4 volte più a lungo rispetto agli altri cani in attesa della famiglia definitiva. Un fenomeno che i volontari ed i soccorritori conoscono bene.

Ma perché i cani neri vengono ‘discriminati’?  Il folklore e la cultura pop hanno raffigurato i cani neri in modo negativo e questo può inconsciamente influenzare i potenziali adottanti. Nelle storie dei libri e dei film in cui è raffigurato un cane pericoloso,  molto spesso è nero.

Il mastino dei Baskerville, romanzo di Arthur Conan Doyle, la serie di Harry Potter e il film Il presagio (The Omen) descrivono cani terrificanti e tutti sempre neri. Il nero, nel corso della storia, è stato il colore più comunemente usato per rappresentare la negatività, il male e la sfortuna. Per questo motivo, anche inconsciamente, se si deve scegliere un cane, si tende ad evitare quello nero.

 

cane-nero

 

I cani neri inoltre, spiccano meno nei box dei rifugi e nelle foto dei post per le adozioni. I box dei rifugi sono spesso scarsamente illuminati e i cani neri tendono naturalmente a distinguersi meno dei loro fratelli e sorelle più colorati.

Spesso i rifugi pubblicano foto dei cani sui social per attirare potenziali adottanti, ma a causa del colore, i cani neri sono paradossalmemte meno in evidenza.

 

primo-piano-carlino

 

Ecco perché si può contribuire a combattere la lotta contro la sindrome del cane nero  divenendo consapevoli di un pregiudizio inconscio.

Se condividete cuore e casa con un cane nero, mostrate con orgoglio le sue fotografie! Incoraggiate amici e parenti ad adottare anche un cane nero. Sensibilizzate gli altri! Più persone vengono a conoscenza di questa sindrome, minore è la probabilità che questi cani trascorrano anni di tristezza e solitudine in un’inutile attesa.

 

Fonte dogingtonpost.com

Photo credits pixabay

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>