Come aiutare il gatto in caso di perdita di un compagno

di cinzia iannaccio Commenta

La perdita di un gatto o un cane per un essere umano può essere straziante, ma altrettanto può dirsi per gli animali che non possono neppure comunicare con le parole il loro dolore. I gatti, come pure i cani ed altri pets dimostrano comunque la loro sofferenza spesso, cambiando comportamento. Come aiutare il proprio gatto in tali casi?

Come aiutare il gatto alla perdita di un compagno

Il gatto percepisce che il compagno di giochi amato non c’è più e ne soffre, sviluppando una forma di ansia da separazione. Non sempre accade, ma è importante essere pronti ed informati sugli eventuali sintomi e su cosa fare: i primi campanelli d’allarme -con modifiche del comportamento- possono già verificarsi durante la malattia dell’amico quattrozampe. Non è dato sapere cosa effettivamente pensano in questa fase, se comprendono che il loro compagno morirà, ma sembrano assumere poco a poco la consapevolezza di un cambiamento concreto, in corso o in divenire. Per noi umani questa è una fase di preparazione, anche se non si arriva mai pronti del tutto all’evento. Per i gatti ed i cani sembra essere lo stesso! Attenzione perché comunque molti pets reagiscono anche al turbamento emotivo di noi proprietari.

Il gatto superstite può mostrare segni di depressione, perde la voglia di giocare o di uscire, mangia meno, altera i propri orari, può anche iniziare a fare i bisogni fuori dalla lettiera o addirittura piangere di continuo (è il caso più straziante senza dubbio).

Per aiutarli, al momento del trapasso dell’amico può essere utile consentirgli di dirgli “addio”, favorendo se desidera, la vicinanza e la contemplazione del corpo: taluni annusano, altri rimangono semplicemente vicini, altri piangono oppure se ne vanno dopo pochi secondi. Ogni reazione va considerata normale e lasciata vivere. Questo è l’unico modo in cui possono capire cosa è successo al loro amico, e a prendere consapevolezza che non tornerà più.

Anche la durata dell’elaborazione del lutto è variabile per i gatti, così come per noi umani. Stargli vicino, li aiuterà a trovare conforto, comprendendo il vostro affetto e questo aiuterà anche voi!

Cercate di mantenere inalterata la routine ed evitate inoltre di sgridarli se fanno qualche guaio o di insistere se non vogliono mangiare: hanno bisogno- come voi- del loro tempo per abituarsi alla nuova vita in solitudine. Prima di introdurre un altro gatto in casa per fargli compagnia, provate a vedere la reazione che hanno con il micio di un amico: potrebbero non gradire la “sostituzione”.
Leggi anche:

I gatti e la perdita di un compagno di giochi | Tutto Zampe

 

 

Foto: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>