10 cose curiose e strane sugli animali esotici

di Piera Lombardi Commenta

Pappagalli, criceti, serpenti, iguane, furetti, pesci rossi e persino armadilli. Sempre più presenti nelle nostre case, gli animali esotici hanno caratteristiche biologiche e comportamentali spesso stravaganti, alcune da conoscere obbligatoriamente per favorirne salute e benessere. Altre semplicemente per appurare quanto sia varia, fantasiosa e differenziata la natura.

 

 

curioso mondo animali esotici

 

  1. Sapevate ad esempio che un pappagallo per sopravvivere  deve mangiare ogni giorno una quantità di cibo pari alla metà del suo peso?
  2. I criceti  pare facciano l’occhiolino a chi li osserva ma non stanno ammiccando! In realtà riescono a battere solo un occhio alla volta.
  3. Le iguane potrebbero diventare campionesse di apnea se cronometrate, perché riescono a trattenere il respiro anche per trenta minuti.
  4. Attenzione ad avere in casa il cosiddetto serpente giarrettiera: non fa strep tease ma può generare fino a 85 cuccioli alla volta e non è detto riusciate ad accoglierli tutti sotto lo stesso tetto.
  5. Invece gli armadilli sono più contenuti: hanno quattro cuccioli alla volta e sempre tutti dello stesso sesso; unici tra gli animali possono contrarre la lebbra come gli uomini.
  6. I pappagalli più grandi come gli Ara ed i Cacatua vivono anche più di 75 anni.
  7. I pesci rossi possono arrivare a 40 anni.
  8. Gli uccelli a riposo hanno il cuore che pulsa 400 battiti al minuto.
  9. Nelle case degli americani ci sono più di 60 milioni di uccelli da compagnia  mentre il terzo animale domestico dopo cani e gatti più popolare negli Stati Uniti è il furetto.
  10. Di furetti negli Usa ce ne sono tra 8 e 10 milioni probabilmente accoccolati su divani a vedersi una partita di football piuttosto che un telefilm.

Fonte petinsurance

 

 

Foto credits Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>