leonardo.it

Animali domestici, occhio ai dolci al cioccolato di Halloween

 
Paola P.
17 ottobre 2010
commenti

Halloween si avvicina e cogliamo l’occasione per ricordarvi di segnalare movimenti sospetti e scomparsa di gatti neri alle autorità competenti e di stare molto attenti a non far uscire il vostro micio, se ha il mantello nero, nei giorni precedenti. Potete supportare i gatti neri, dicendo no alla superstizione, inviando una mail a: salviamoigattineri@tiscali.it oppure a canoneinverso@mojlab.it. L’adesione al movimento è gratuita.

Altro pericolo per gli animali domestici di queste festività americana, che ormai viene festeggiata da anni anche da noi in Italia, è rappresentato dai dolci, specie quelli al cioccolato. In molti, tra quanti hanno bambini in casa o semplicemente chi vuole offrirli a chi suona, li comprano o li preparano. Se il cioccolato può essere un piacere per i bambini rappresenta al contrario una grave minaccia per gli animali domestici.

Nei nostri amici a quattro zampe che consumano cioccolato possono verificarsi vomito, diarrea, sete e minzione eccessiva, battito cardiaco irregolare, tremori, convulsioni e persino la morte. E’ quanto afferma Susan Nelson, veterinario alla Kansas State University. Questi problemi sono principalmente causati da una sostanza chiamata teobromina contenuta nel cioccolato.

I diversi tipi di cioccolato hanno concentrazioni variabili di teobromina: il cioccolato fondente ne contiene in grandi quantità, quello al latte una quantità media, e il cioccolato bianco pochissima.
Se il vostro animale domestico consuma una grande quantità di cioccolato, si dovrebbe chiamare un ambulatorio veterinario di emergenza immediatamente:

Il consumo di cioccolato è un problema molto comune tra gli animali domestici, nei cani in particolare, ma può anche danneggiare i gatti, gli uccelli, i topi e i furetti, spiega la Nelson. E’ importante ricordare che le reazioni variano da un animale all’altro ma è meglio supporre che il vostro animale domestico sia uno di quelli sensibili e non aspettare a chiedere un parere al veterinario. Tenete d’occhio le fonti di cioccolato in casa, e dite agli ospiti con cane al seguito di tenerlo d’occhio se in giro ci sono dolci.

Al fine di proteggere gli animali domestici, si suggerisce di tenere tutti gli alimenti e i biscotti al cioccolato fuori dalla loro portata, e confinare gli animali domestici durante le riunioni di famiglia e le feste in modo da evitare che gli ospiti, specie i bambini che lo fanno inconsciamente, non gli offrano il cibo proibito.

[Fonte: Health24]

Commenta!

Articoli Correlati
Malattie cardiache e animali domestici, uno sguardo al cuore dei nostri pets

Malattie cardiache e animali domestici, uno sguardo al cuore dei nostri pets

Malattie cardiache, un big killer per noi bipedi, tanto da essere oggetto di campagne di prevenzione su scala globale volte a migliorare la salute cardiovascolare della popolazione mondiale. E per […]

L’avvelenamento da farmaci negli animali domestici

L’avvelenamento da farmaci negli animali domestici

Una storia che ci arriva da oltreoceano e che invita alla riflessione, in quanto caso emblematico di tanti episodi simili che capitano a tanti proprietari di animali domestici di tutto […]

Bere molta acqua è importante anche per gli animali domestici

Bere molta acqua è importante anche per gli animali domestici

Tutti noi sappiamo quanto sia importante bere molta acqua per mantenere il giusto livello di idratazione dell’organismo e rimanere in forma. Ce lo ricordano in continuazione medici, dietologi, personal trainer. […]

Piante ornamentali, occhio a quelle tossiche per i nostri pets

Piante ornamentali, occhio a quelle tossiche per i nostri pets

Le piante ornamentali sono un ottimo modo per decorare la casa durante le vacanze e colorare un grigio inverno. Durante le fredde serate invernali si trascorre più tempo tra le […]

Gli animali domestici possono essere infettati dal virus A-H1N1?

Gli animali domestici possono essere infettati dal virus A-H1N1?

Il virus A-H1N1, portatore della nuova influenza, erroneamente denominata influenza suina, infetta la popolazione umana e si trasmette come una qualsiasi malattia stagionale di origine virale, tramite le particelle di […]