Un cane che diventa aggressivo…perchè?

di Francesca Spanò 1

Tra i problemi comportamentali visibili immediatamente quando ci si trova di fronte a un cane, non si può non nominare l’aggressività, anche se, in realtà, un pò tutti gli animali tendono ad avere dei comportamenti inaspettati, soprattutto perchè sono diversi da noi e lo sono pure le loro reazioni. Sono gli uomini che tendono a trasformarli in esseri come loro, non rispettando le diversità e peculiarità. Persino le formiche sono in grado di attaccare i nemici in modo esagerato, se vedono in pericolo la loro salute. Insomma, si tratta di un atteggiamento indispensabile e comune a tutti gli esemplari presenti sulla terra, per salvaguardare la specie. In natura, ogni creatura vivente, si scontra per la posizione di leader, per proteggere il territorio e i piccoli, per garantirsi il cibo o per difendersi dagli attacchi esterni. Ovviamente, il comportamento di un singolo animale, varia in base all’ambiente, al carattere e all’educazione ricevuta dall’eventuale padrone. Non ultimo, dipende pure dallo stato di salute fisico e mentale.

In ogni caso, però, l’aggressività ha sempre una causa e l’addestramento, specie se si tratta di un amico a quattro zampe, può aiutare a migliorare la situazione. Importantissimo, quindi, è imparare a riconoscere tutti quei fattori che possono incrementarla, come:

  • violenza e crudeltà da parte dei padroni o da chi li tiene in affidamento;
  • aggressivigtà di altri animali vicini;
  • apprensione causata da un precedente evento di natura traumatica;
  • un padrone che non vuole o non è in grado di assumere il ruolo di leader;
  • timidezza eccessiva;
  • rumori molto forti e improvvisi o qualsiasi elemeno di disturbo in grado di terrorizzare un animale che, così, si sente minacciato;
  • l’arrivo di un bambino o di un altro animale in famiglia;
  • la difesa del territorio o della famiglia;
  • la vecchiaia;
  • ferite o traumi;
  • le allergie causate da una dieta scorretta;
  • raramente un problema genetico.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>