Un pet troppo aggressivo

di Francesca Spanò Commenta

Nonostante l’amore per il proprio pet spesso sia in grado di “annebbiare” la mente di un devoto padroncino, in realtà tutti gli animali hanno tendenze aggressive, soprattutto se si sentono minacciati nella loro sicurezza o temono che venga privato loro un territorio conquistato a fatica.Persino le formiche, almeno quelle saltatrici, si lanciano verso l’avversario qualunque sia la sua mole, mentre i piranha, piccoli e apparentemente tranquilli sono in grado di usare verso i potenziali nemici una ferocia inaudita. Studi di natura sociologica recenti, che hanno preso ad esempio pure gli esemplari della fauna, hanno evidenziato come la tendenza a combattere, faccia parte di una delle quattro pulsioni vitali di ogni specie, insieme alla fame, alla riproduzione e alla paura.

In natura questo atteggiamento è positivo in quanto garantisce la continuazione della specie, la difesa dei più piccoli e la sopravvivenza dei migliori e più forti. Le femmine, infatti, cercano sempre gli esemplari in grado di fornire maggiore tranquillità in questo senso, anche riguardo alla prole. Per tal motivo è piuttosto frequente che due leader si scontrino, per ottenere una posizione più importante all’interno del gruppo, ma anche per scongiurare attacchi sanguinosi nei confronti della propria famiglia e delle nuove generazioni che prenderanno presto il loro posto.Molto dipende comunque dal tipo di habitat naturale e dalla razza di appartenenza. Se, ad esempio, si parla di carnivori presenti in ambienti ostili, il grado di aggressività sarà maggiore soprattutto in merito alla caccia e alla preda da assicurarsi. Tuttavia, pure gli erbivori sanno difendersi quando vogliono.

E’ chiaro che il comportamento del singolo pet dipende più che altro dal carattere, dall’educazione o addestramento eventualmente ricevuto, ma anche dallo stato di salute sia fisico che mentale. Il loro fondamentale bisogno, è quello di vivere in una struttura sociale dove possano trascorrere una esistenza serena e priva di aggressioni. Se questo stato di cose viene turbato, scattano dei meccanismi interiori spesso difficili da prevedere e controllare.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>