Video giochi di attivazione mentale per cani

giochi di attivazione mentale per cani

Nel video che vi mostriamo oggi, ecco qualche idea simpatica e innovativa per creare dei giochi di attivazione mentale per cani. Gli amici a quattro zampe, specie se restano da soli in casa per buona parte della giornata, possono annoiarsi e diventare apatici: per questo motivo occorre tenerli sempre stimolati e giocare con loro, appena se ne ha la possibilità, anche per contribuire a tenerli in forma fisicamente e mentalmente. Gli esercizi di intelligenza per cani poi gli consentono anche di imparare a risolvere da soli i problemi quotidiani, restando calmi in situazioni di difficoltà.

Cosa pensano i cani? Lo svela uno studio

cosa pensano cani studio

Se vi siete sempre chiesti cosa pensano i cani, se provano sentimenti e sognano, beh, sappiate che siete in buona compagnia! Dei nostri amici a 4 zampe, infatti, si è detto di tutto, tanto da arrivare a formulare proverbi, anche con un certo fondo di verità, per la serie tale cane tale padrone. Una cosa è certa, se l’uomo è tanto attratto dai cani è perché riconosce una certa somiglianza.

Gatti, ritorno alla normalità dopo le vacanze

I gatti sono animali molto abitudinari, che soffrono lo stress di ogni minimo cambiamento. Ne abbiamo parlato spesso su Tuttozampe di come a volte anche spostare un mobile, cambiare posto alla ciotola dell’acqua piuttosto che alla lettiera, precludergli l’accesso ad una stanza con la finestra da cui aveva l’abitudine di guardare il mondo all’esterno, siano azioni all’apparenza banali ma che possono influire sul nostro micio, portando addirittura a disturbi urinari come fare i bisognini in luoghi assolutamente inappropriati o nella cesta. I piccoli cambiamenti incidono sul suo equilibrio, certo, ma anche i grandi eventi, come un trasloco, un viaggio piuttosto che l’introduzione di un nuovo animale in casa, gatto o cane che sia, hanno il loro impatto, ancora più devastante, sui punti fermi, gli spazi vitali e le abitudini del nostro tuttozampe.

Cane sempre stanco, sintomo di una malattia o mancanza di stimoli?

Il mio cane è ancora un cucciolo, pieno di energie e vitalità, non si stanca mai, non prima di me almeno. Ecco perché quando è stanco e mogio, apatico, anche in circostanze come la pappa, le uscite o i giochi preferiti, mi preoccupo e temo che ci sia qualcosa che non va in lui. Parlando con il veterinario mi ha spiegato che è vero, a volte l’apatia, la mancanza di energia, di appetito, se si protrae per diversi giorni, più di due o tre giorni nello specifico, può essere un campanello di allarme di qualcosa che non va nell’organismo del nostro cucciolo o nella sua routine quotidiana, ma altre volte, se capita sporadicamente, magari è solo noia, mancanza di stimoli adeguati.

Giochi e stimoli per il cane, quando il cibo non stuzzica solo l’appetito

Stimoli per il cane: è importante fornire al nostro amico a quattro zampe un ambiente che soddisfi la sua innata voglia di curiosità, lo coinvolga nel gioco, ne migliori le abilità cognitive. Stimolare ad una vita attiva e coinvolgente, sia da un punto di vista fisico che mentale, il nostro cucciolo, sin dai primi mesi di vita, è importante per garantirne l’equilibrio psicofisico e scongiurare due fattori di rischio per la salute del cane: stress e noia, due tra i principali indiziati di disturbi comportamentali. Un cane apatico è un cane triste che fa difficoltà a relazionarsi, a stabilire legami con il resto della famiglia. Il gioco è sicuramente una delle forme di interazione basilari per coinvolgere Fido e scuoterlo dal suo torpore.

Gatti in appartamento, di cosa hanno bisogno per essere felici

I gatti vengono tenuti in casa per una serie di ragioni, relative principalmente alla loro salute e sicurezza. I motivi più comuni includono minimizzare la loro esposizione ai pericoli esterni, a traumi, tossine ed infezioni mortali. I gatti che sono allevati esclusivamente in casa vivono in media almeno il doppio degli anni dei gatti liberi.

Anche se l’ambiente interno può essere più sicuro, purtroppo non è altrettanto stimolante. E’ dunque importante creare un clima il più possibile ricco di stimoli che simuli, in qualche modo, la vita interessante che si svolge al di fuori delle mura domestiche.

Ecco alcune raccomandazioni degli esperti per rendere felice il più possibile il micio di casa. Una mini-guida essenziale per ogni proprietario attento alle esigenze, al benessere e alla salute psichica del proprio gatto. Vediamole insieme dopo il salto.

Quanto dormono i cani?

Con l’avvicinarsi dei mesi invernali, molte specie si apprestano ad andare in letargo per un lungo sonno che finirà soltanto con l’arrivo della primavera. Fortunatamente i nostri amici cani ci tengono compagnia tutto l’anno e sono svegli 365 giorni su 365. Ma qual è il comportamento normale per Fido nel suo rapporto con il sonno?

Iniziamo con il dire che la quantità di tempo spesa a dormire varia in base a fattori come l’età dell’animale, la personalità, lo stile di vita più o meno attivo, gli stimoli dell’ambiente esterno. Conteggiando anche i sonnellini e le ore in cui il cane sonnecchia, la maggior parte dei cani dorme in media circa quattordici ore al giorno.

Al momento la ricerca non sa affermare con sicurezza il motivo per il quale i cani dormano così tanto. La quantità di sonno di cui un animale ha bisogno dipende dalla sua specie. I cavalli e le mucche possono dormire solo tre o quattro ore al giorno, perché necessitano di lunghe ore di pascolo per approvvigionarsi di cibo a sufficienza. I pipistrelli e gli opossum possono dormire fino a 20 ore.