Storia del lupo Leon investito da un auto

di Redazione Commenta

Il protagonista di questa storia non sembra proprio il tipico lupaccio delle favole che ha atterrito tutti, non solo Cappuccetto rosso. Questa è proprio una fiaba natalizia, toccante ed emblematica, con un inizio triste e una fine lieta. Un lupo viene investito giorni fa a Ponticelli, una località in provincia di Imola. Ma l’investitore, ligio alla legge e coscienzioso, ha avvisato subito la polizia provinciale. Nel frattempo però, l’animale, sia pure ferito, era fuggito e si era nascosto in un campo vicino. Ecco come è andata…

 

Il lupo Leon

 

La mattina seguente è stato trovato dalla polizia provinciale che giaceva dolorante in un campo vicino. E’ un lupo grande e massiccio, certo, di 27 chili di peso, ma non sembra il terribile e feroce animale che solo San Francesco ha domato. Sul posto sono arrivati i volontari del Centro tutela fauna esotica e selvatica di Monte Adone, Bologna, specializzati nel recupero e nella cura dei lupi: l’animale era anche molto spaventato, per cui hanno scelto di sedarlo prima di trasportarlo al centro.

L’esemplare di otto mesi aveva diverse fratture: tre al bacino e una a un ginocchio che ha richiesto un immediato intervento chirurgico. Perciò è stato trasportato all’ospedale San Michele, nel lodigiano, e operato.  Per la sua tempra e forza di carattere, è stato battezzato Léon. Ora è ricoverato convalescente al Centro all’interno della nuova area di riabilitazione per i lupi ‘Just Freedom’.

“Sono state stabilite diverse cure e terapie e per non compromettere l’intervento, grazie alle telecamere di videosorveglianza, è stato monitorato giorno e notte. Nonostante un gesso che gli blocca e sostiene l’arto posteriore, Léon sta accettando di buon grado la cattività e migliora giorno dopo giorno – racconta Elisa Berti, una delle responsabili del centro – Quella di Léon è una nuova sfida per tutti noi del Centro che ci stiamo impegnando affinché anche questo lupo possa tornare quanto prima in libertà.  E la sua storia ci insegna ancora una volta come sia importante la collaborazione tra enti e cittadini e come sia davvero fondamentale, oltre che un atto civile e dovuto, fermarsi quando si trova o se si investe un animale”.

 

Fonte e foto centrotutelafauna.org

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>