Per salvare un cane, volontari fanno una scoperta straziante (VIDEO)

di cinzia iannaccio Commenta

Si sentiva l’ululato di un cane provenire dall’erba alta. Doveva essere in difficoltà. Così un uomo decide di avvicinarsi all’origine del lamento, convinto di dover salvare un cane randagio o un animale selvatico ferito, oppure una gatta che aveva partorito. Arrivato sul posto però fa una strabiliante e straziante scoperta. Questa che potete vedere nel video.

Diversi cuccioli di cane abbandonati, lasciati in un sacchetto di plastica a morire. Quanta crudeltà? Era una fredda mattina d’autunno ed i loro corpi erano così freddi che non si capisce come siano sopravvissuti, come gli battesse ancora il cuore: un miracolo! Due dei cuccioli erano riusciti ad uscire dalla busta, chissà con quale sforzo, come se capissero che da quello dipendeva la loro vita. Presto sia loro che gli altri come si vede nel video sono stati messi al sicuro. Erano appena nati, ancora con il cordone ombelicato attaccato, strappati alla loro mamma prima ancora che potesse pulirli. Purtroppo, quattro dei cuccioli salvati non ce l’hanno fatta e sono morti subito dopo essere arrivati al rifugio. I tre sopravvissuti invece – Lizzie, Taz e Bernie – hanno fatto un recupero incredibile, ed ora sono cuccioli giocosi sani. Hanno 5 mesi e sono stati vaccinati microcippati ed avviati ad un percorso di adozione.

I cuccioli vivono in Romania. Ad occuparsi di tutto HowlOfADog.org che può aiutare anche in caso di un’adozione internazionale. Per informazioni basta visitare il sito.

HowlOfADog è una piccola associazione di soccorso animale senza scopo di lucro con sede in Romania. L’impegno è mirato a salvare gli animali abbandonat, trascurati o maltrattati.

 

 

Leggi anche:

Il cane restio al salvataggio fino a prova contraria (VIDEO)

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>