Rickettsia conorii cane, si guarisce e quale terapia?

di cinzia iannaccio 2

Cosa significa quando un cane risulta positivo alla Rickettsia conorii? Si guarisce? E con quale terapia? Le preoccupazioni ovviamente quando si tratta della salute del nostro amico a quattro zampe sono molte e spesso nonostante le rassicurazioni del veterinario, l’ansia non passa. La Rickettsia conorii è un microrganismo gram-negativo, un batterio cioè, patogeno sia per gli animali come i cani che per l’essere umano che viene trasmesso dalle zecche. In realtà esistono diversi tipi di Rickettsia e questa è la più comune nella nostra area mediterranea responsabile di quella che viene definita anche rickettsiosi (o febbre bottonosa) per la sua manifestazione cutanea sull’uomo. Altri tipi di Rickettsia si trasmettono al cane anche attraverso parassiti più piccoli come le pulci. Avere un cane con le zecche può essere un fattore di rischio per la Rickettsiosi anche degli esseri umani. Ecco cosa c’è da sapere al riguardo.

Rickettsia conorii cane si guarisce terapia

Rickettsia conorii nel cane, la diagnosi

La diagnosi si fa con esami del sangue ed in particolare con la ricerca di anticorpi specifici, alcuni riscontrabili anche dopo 2 o 3 settimane dall’infezione e fino anche a 10 mesi. Utile cercare anche l’agente eziologico tramite un test noto come PCR che sebbene possa avere una non altissima sensibilità abbinata ai sintomi può bastare per stabilire la diagnosi con sicurezza ed avviare la corretta terapia. In tali casi le analisi del sangue di routine potranno risultare lievemente alterati: anemia, trombocitopenia, enzimi epatici alti, albumina bassa. Ovviamente in questo contesto vanno escluse altre malattie trasmesse dalle zecche al cane come l’Ehrlichiosi, l’Anaplasmosi e la Babesiosi.

 

I sintomi di infezione da Rickettsia conorii nei cani

I sintomi possono essere facilmente confusi con altre malattie, ma in presenza di zecche devono insospettire. Possono essere infatti i seguenti:

  • Febbre lieve ed improvvisa
  • Letargia
  • Linfonodi gonfi
  • Disturbi gastrointestinali come vomito o diarrea
  • Talvolta dolore alle articolazioni.

 

Rickettsia conorii cane quale terapia?

La terapia è a base di antibiotici e va iniziata quanto prima, alla comparsa dei primi sintomi. La doxiciclina (tetraciclina) con dosaggi di di 5-10 mg/kg al dì è piuttosto efficace nei cani: un miglioramento dei sintomi è riscontrabile sin dalle prime somministrazioni del farmaco che va proseguito per almeno 3 -4 settimane. Altri farmaci antibiotici possono comunque essere utilizzati a seconda dei casi. Se presa precocemente la patologia ha una buona prognosi, il cane può guarire, altrimenti c’è il rischio di serie complicanze laddove il batterio si diffonda in tutti gli organi.

 

Prevenzione

Poiché la Rickettsiosi si trasmette anche all’uomo, è particolarmente importante praticare la prevenzione: trattare il cane domestico con i dovuti antiparassitari, almeno un mese prima dell’inizio della stagione a rischio (fine febbraio-inizio marzo) e controllare con regolarità che non sia infestato da zecche (o pulci).

 

 

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post su argomenti simili:

 

Per dubbi ed altri chiarimenti su questa o altre patologie del cane scrivete ai ns veterinari visitando la pagina dedicata e riempiendo il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Il nostro “Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets” non fornisce diagnosi online e neppure la prescrizione di farmaci. Si tratta di un servizio di informazioni ed orientamento che mai potrà essere considerato sostitutivo di una visita specialistica diretta con il medico veterinario. L’invio della domanda corrisponderà all’accettazione di questa condizione di utilizzo.

Per le emergenze rivolgersi al servizio veterinario più vicino.

 

 

 

 

Foto: Thinkstock

Fonte:IzsVe Pets; Clinica veterinariaSempione.com

 

 

Commenta!

Commenti (2)

  1. Non è stato chiaro, non si capisce se i cani guariscono e non sono stati indicati i tempi di guarigione.

  2. Il mio bassotto ha fatto la terapia antibiotica contro la rickettia per 4 settimane, ma continua a dormire tutto il giorno e questo mi preoccupa molto. Il veterinario non sembra preoccuparsi, io invece si, non mi sembra normale. Cosa consigliate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>