Report, l’orrore delle pellicce Sagafurs

di Fabiana Commenta

È un servizio che a distanza di qualche giorno dalla messa in onda sta ancora facendo discutere: L’Etichetta è il reportage realizzato da Emanuele Bellano (in collaborazione con la Lav) andato in onda lunedì sera nel corso della nuova stagione di Report, in prima serata su Rai 3 (in replica sabato mattina e sempre disponibile su RaiPlay). 

Un servizio che mostra la raccapricciante realtà a cui vengono sottoposti gli animali da pelliccia degli allevamenti, soprattutto volpi e visoni, i più richiesti sul mercato. 

I marchi di lusso Max Mara, Moncler, Woolrich, Loro Piana continuano a usare le pellicce per i loro capi affidandosi alle pellicce Sagafurs, il più importante certificatore del settore che ha sede in Finlandia e che ha sempre garantito l’allevamento “etico”. 

Pettine etiche assicurate e filiera controllata, come assicurano i commessi delle boutique italiane dei marchi, ma la verità è che le cose stanno in altro modo. 

Secondo i dati forniti dall’ente certificatore finlandese, sono certificati il 99% degli allevamenti di volpi e il 93% di allevamenti di visoni. Ma evidentemente, come fa notare il conduttore di Repot, Sigfirod Ranucci, “L’abito che va più di moda è quello tessuto con il filo della rassicurazione delle coscienze”. 

Le immagini lo testimoniano: gli allevatori non consentono alle telecamere di filmare quello che accade dentro, ma i giornalisti riescono ad avvicinarsi alle gabbie di nascosto.

Gli animali sono costretti a vivere in gabbie piccolissime dove riescono a muoversi a malapena. Sono molto grassi (il triplo di quanto non siano in natura, come le volti artiche che pesano anche 12 chili rispetto ai 4 chili che dovrebbe naturalmente pesare) per avere una pelliccia più grade. Fino alla morte, etica, con un elettrodo in bocca e uno nell’ano. Per non rovinare le loro preziose pellicce. Immagini raccapriccianti che dovrebbero scuotere le coscienze: fortunatamente alcuni dei grandi marchi hanno già dismesso l’uso delle pellicce nelle nuove collezioni, da Gucci a Versace, Armani che hanno seguito gli esempio di Michael Kors, Burberry, Furla, Stella McCartney. 

Forse è ora che anche tutti gli altri smettano di alimentare un mercato troppo crudele. 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>