Per amore della sua micia un gatto genovese attraversa la città

di Redazione Commenta

Gatti innamoratiOggi vi raccontiamo un’altra bella storia da mettere sotto l’albero di Natale che dimostra che l’amore non ha barriere anche nel mondo animale.

Lancilotto e Ginevra hanno due nomi che da soli bastano ad evocare una grande storia d’amore narrata tra i tanti anche da Thomas Malory, sono due gatti genovesi innamorati e, come vedrete, inseparabili.

Lancilotto è un cuore di leone dal manto arancio, lei una principessa meticcia, passavano insieme tutta la giornata per le strade di Genova curiosando nei tipici caruggi e zampettando sul ciottolato di Piazza De Ferraris.

La loro vita era colmata dal sentimento dell’amore, sempre insieme finché Ginevra si ammala, viene notata da Anna, una volontaria ENPA, che si prende cura di lei portandola nella sede della protezioni animali di Genova Bolzaneto.

Il prode Lancillotto sfodera la coda e si dirige correndo fino ai cancelli della clinica dove è situata la sua amata, vi rimane giorno e notte per tre giorni.

Naturalmente il cavaliere aranciato viene notato dai volontari ma rifiuta acqua e cibo, nel mentre la convalescenza dell’amata gatta prosegue senza complicazioni finché una mattina Anna vede lo stesso gatto dal pelo rosso che era con Ginevra il giorno che l’aveva trovata e portata al centro per le cure, starsene raggomitolato di fronte al giardino del centro veterinario di Bolzaneto, allora capisce tutto.

Vengono fatti aprire i cancelli del centro e con un balzo felino Ginevra guadagna il giardino, muove le zampette freneticamente sull’erba per raggiungere la rete di recinzione dove saluta il suo amato Lancillotto con tante fusa. I due cuori si riuniscono nuovamente e trionfa l’amore proprio come nelle fiabe.

Spiega Rosanna Zanardi, presidente dell’Enpa di Genova “Pur di raggiungere la sua compagna di vita Lancillotto ha sfidato il traffico caotico della città. Ha schivato automobili, motociclette e pedoni, ha attraversato passaggi pedonali e incroci, guidato dal suo istinto felino e da quel sentimento di amore che, a torto, riteniamo essere prerogativa esclusiva degli uomini, ha percorso più di 4 chilometri.

La storia dei due felini innamorati continua visto che Ginevra non è più in grado di vivere da trovatella, ora ha bisogno di una casa e di una famiglia che sappia dargli affetto, ecco che interviene un’altro personaggio da fiaba, Carlo, un impiegato di Torriglia, piccolo comune genovese, che conquistato dal forte legame dei due gatti ha deciso di adottarli.

Siamo sicuri che sarà un Natale speciale per Lancillotto, Ginevra e Carlo.

Fonte

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>