Patto del lupo, Toscana e Trentino chiedono la gestione autonoma del territorio

di Fabiana Commenta

Lo hanno già ribattezzato Patto del lupo e questo in effetti sembra essere l’obiettivo nato dall’incontro fra l’assessore all’Agricoltura della Toscana, Marco Remaschi  gli equivalenti i colleghi delle Province autonome di Trento e Bolzano, Michele Dalla Piccola e Arnold Schuler. 

lupi, riapertura caccia al lupi

L’incontro in Trentino-Alto Adige è volto a trovare un accordo comune sulla gestione dei lupi: le due regioni hanno intenzione di chiedere a settembre ai ministri competenti (Ambiente e Agricoltura) del governo italiano e alla Commissione Agricoltura dell’Unione Europea la gestione autonoma autonoma circa il trattamento dei lupi sul proprio territorio prevedendo anche la possibilità di abbattimenti selettivi.

È la Toscana che vorrebbe collocarsi sulla stessa linea d’onda della delle proposte del modello di legge avanzato dalle Province autonome giustificando la richiesta con il fatto che i ritorno dei lupi comincia a preoccupare seriamente gli imprenditori e gli allevatori. 

I due assessori delle Province di Trento e Bolzano si recheranno nella giornata di domani, 4 settembre a Bruxelles per chiedere alla commissione Agricoltura dell’Ue di poter approvare autonomamente una normativa che regoli la gestione dei lupi. 

I tre assessori hanno intenzione di chiedere all’Unione di poter gestire in modo autonomo la presenza dei lupi a causa delle emergenze delle ultime settimane, ma ciò contravverrebbe anche con la direttiva Habitat dell’Unione e dal cosiddetto “Piano lupo nazionale” che non è stato ancora approvato a causa dei veti degli animalisti secondo cui i lupi possono essere abbattuti solo dopo un censimento completo degli esemplari, dopo aver scelto quelli più aggressivi e anche dopo aver tentato ogni altro tipo di controllo che non preveda l’abbattimento. 

PIANO LUPO, ANNUNCIATO LO STOP

 

PHOTO CREDITS | THINKSTOCK

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>