Oscar, un cane da giro del mondo

di Redazione Commenta

cane giro del mondoUn cane da guinness, Oscar. Niente a che vedere con i soliti primati della coda più lunga, con concorsi di bellezza, altezza al di fuori della norma o longevità. Stavolta a far diventare insuperabile un amico a quattro zampe è stato un viaggio. Non una semplice visita toccata e fuga insieme al padrone in una sola città, bensì un vero e proprio giro del mondo. Vi ricorda qualcosa? Eh sì, stavolta però a compiere l’impresa è stato un cane, Oscar, che ha così rivendicato il titolo di più intrepido esploratore del regno animale dopo aver toccato con le proprie zampe il suolo di decine di Paesi, facendo scalo nei pressi dei monumenti più famosi di tutta la terra.

La foto in homepage lo ritrae sotto la Statua della Libertà, tappa obbligata per chi si reca negli Stati Uniti, che sia un cane o un turista in carne ed ossa poco importa. Oscar nei suoi viaggi ha toccato tutti e cinque i continenti, visitando 29 paesi, e sostando nei luoghi più suggestivi dell’intero mappamondo, dalla Torre Eiffel al Taj Mahal.

Questo intrepido cagnolino giramondo non ha una storia felice alle spalle: circa cinque anni fa fu salvato dalla sua triste sorte e uscì dal canile sudafricano in cui si trovava grazie all’adozione da parte di Joanne Lefson, suo attuale proprietario.
Nel mese di maggio del 2009 la coppia ha iniziato un viaggio epico nella speranza di raccimolare, tramite gli sponsors, milioni di dollari per aiutare a salvare i cani randagi dalle strade.
Schivando fiumi infestati da coccodrilli, attraversando la Grande Muraglia cinese, schivando la polizia italiana, finalmente Oscar e la sua padrona hanno concluso il loro viaggio qualche giorno fa. Il viaggio di sei mesi è stato finanziato con i 250.000 mila dollari che Joanne ha ricavato vendendo casa sua.
La coppia ha finito il giro al famoso Cristo del Brasile, la statua del Redentore a Rio.
La Lefson, che è per metà inglese e metà dell’Africa del Sud, ha avuto l’idea di fare il viaggio soprannominato ‘The World Woof Tour‘, perchè era un miracolo che Oscar fosse ancora vivo:

Se non fossi andatoa al canile quel fatidico giorno Oscar sarebbe stato soppresso.
Quando ho scoperto che cane meraviglioso fosse Oscar mi si è spezzato il cuore perchè ho pensato a quanti Oscar ci sono ancora là fuori, che non hanno avuto una seconda possibilità. I miei amici e la mia famiglia pensano che io sia matta. Ho venduto la mia casa, ma lo rifarei. Il mio scopo è sensibilizzare le persone all’adozione dei cani randagi e dei cuccioli che vengono soppressi nei canili.

I Paesi visitati da Oscar e dalla sua padrona:
Sud Africa – maggio BOTSWANA – maggio NAMIBIA – maggio ZAMBIA – maggio ZIMBABWE – maggio TANZANIA maggio KENYA – maggio EGITTO – maggio GRECIA – giugno TURCHIA – giugno BULGARIA – giugno ROMANIA – giugno UNGHERIA – giugno CROAZIA – giugno ITALIA – giugno SVIZZERA – luglio FRANCIA – LUGLIO RUSSIA luglio INDIA – agosto (un mese in India)  THAILANDIA – settembre (un mese in Thailandia) CAMBOGIA ottobre
MALAYSIA – Ottobre CINA – Ottobre USA: California, New York, ARIZONA, NEVADA, Texas, Utah e la Florida – ottobre / novembre PUERTO RICO – Novembre COSTA RICA – Novembre PERU – Novembre ARGENTINA -novembre / dicembre BRASILE – dicembre.

[Fonte: Telegraph.co.uk]

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>