Marciana, nuove norme edilizie per salvaguardare le rondini

di Redazione 1

Rondini_Dreon_l

Il comune di Marciana sull’ Isola d’Elba ha compiuto un passo importante per salvaguardare una spece in via di estinzione, le rondini ed i rondoni. In particolare il consiglio comunale ha deliberato una modifica del regolamento edilizio per consentire la nidificazione delle rondini e dei rondoni. Il nuovo regolamento approvato prevede il ripristino delle vecchie tegole con i coppi aperti in prima fila, che permetterebbero in tal modo l’ingresso delle rondoni e dei rondini per nidificare all’interno dei coppi.

Tali modifiche dovranno essere eseguite da chi è in procinto di ristrutturare edifici e per le nuove costruzioni: la mancata nidificazione delle rondini è sensibilmente calata nel nostro paese anche a causa delle difficoltà che tali uccelli a nidificare. Infatti le nuove costruzioni sono prive di fori lungo le pareti e sui tetti, mentre una volta tali insenature e cavità permettevano un caldo rifugio per tali volatili, che giungevano nel nostro paese con l’arrivo della primavera: anzi, l’avvistamento di una rondine era proprio il segnale dell’arrivo della bella stagione.

La delibera comprende inoltre l’adozione di una serie di misure tecniche per mantenere aperti gli accessi ai nidi di rondine e per agevolare la costruzione dei nidi sotto i cornicioni, tramite l’utilizzo di intonaco rugoso. Si tratta di una scelta concreta e responsabile a favore dell’ambiente: bastano pochi accorgimenti per tutelare specie a rischio e per consentire a questi splendidi volatili serenità e un nido caldo.

Le trasformazioni edilizie sono la causa principale di diminuzione delle specie che da secoli nidificano in città sugli edifici dell’uomo  con questa delibera il nostro comune, primo in Italia, vuole dare un segnale positivo.

Ha commentato il Sindaco di Marciana Anna Bulgaresi. Il comune di Marciana Marina dell’Isola D’Elba è inserito all’interno di un Parco Nazionale, cosa che rende la scelta urbanistica ancora più apprezzata (fonte Ansa).

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>