Le Lumache in acquario

di Giulia Commenta

ok

La presenza di alcune lumache in acquario non è un pericolo per il benessere della nostra vasca, a meno che queste non aumentino in maniera considerevole, come in una vera e propria invasione: a quel punto occorre limitare la presenza di tali animali nella nostra vasca asportando le lumache. I metodi per eliminarle sono essenzialmente due: o catturandole con il retino o con altro strumento adatto, oppure intervenendo chimicamente, sciogliendo in acqua prodotti che a poco a poco consentono di eliminare le lumache in eccesso, senza ovviamente mettere in pericolo la salute dei pesci.

Non bisogna però dimenticare che in natura esistono diversi tipi di lumache, dalle lumache della famiglia Melanoides (dalla conchiglia a cono appuntito e molto rigida, vivipare e che trascorrono insabbiate la maggio parte delle ore diurne), a quella della famiglia Planorbidae (dalla conchiglia tondeggiante, a spirale tavolata) a quelle della famiglia Physidae (con conchiglia ovale e traslucida) e Lymnaea (a spire oblique e poco ricurve). Le più resistenti sono senza dubbio le lumache Melanoides, che è particolarmente difficile riuscire a cacciare via dalla vasca.

Un altro metodo per eliminare, senza causare danno alla vasca ed ai pesci, le lumachine è attraverso la così detta lotta biologica: è il metodo più naturale che vi sia, consiste nell’introduzione in vasca di pesci ghiotti di tali lumache, come ad esempio i pesci da fondale Botia macracantha. tali pesci nel giro di quattro-sei settimane elimineranno la maggior parte delle chiocciole e nei mesi futuri riusciranno a tenere sotto controllo il loro sviluppo.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>