Accessori acquario: lo schiumatoio

di Redazione Commenta

Acquario

Cercare di ricreare in acquario le stesse condizioni che si riscontrano in natura, nel mare, è una delle regole più importanti per riuscire ad allevare pesci ed invertebrati con successo: per riuscire in questo intento la tecnologia ci viene in aiuto grazie a strumentazioni sofisticate e macchinari che ci permettono di far crescere l’acquario nel migliore dei modi. Lo schiumatoio è uno strumeno fondamentale per risolvere uno dei principali problemi che fino a qualche anno fa aveva reso difficile e destinata a pochi l’acquariofilia marina:  l’eliminazione dei sali inquinanti come i nitrati o i fosfati.

Tali sali si accumulano solitamente nell’ acqua a seguito dell’ azione dei filtri ossidanti e purtroppo contribuiscono alla creazione di condizioni non idonee: lo schiumatoio è uno strumento da pochi anni a nostra disposizione, nato per trattare spazzatura e solo successivamente utilizzato negli impianti di acquacultura. Il funzionamento dello schiumatoio è quello di riprodurre il movimento delle onde che si infrangono sulla spiaggia e che portano con se, mediante la schiuma, le sostanze organiche disciolte nell’acqua.

Si tratta di un principio semplice ma fondamentale: lo schiumatoio produce delle microbollicine che vengono immesse insieme all’ acqua in una colonna di contatto, a tali bollicine aderiscono le molecole organiche derivate dagli escrementi dei pesci, le quali si depositano in un apposito contenitore. In questo modo le molecole organiche vengono estratte fisicamente dall’acqua e non viene consentito loro di trasformarsi in Nitrati e Fosfati, che osno appunto dannsoi per la salute di piate e pesci!

Mediante l’uso dello schiumatoio è qindi possibile eliminare proteine, amminoacidi, carboidrati, batteri, acidi, tossine e residui vari che in quanto sostanze organiche si trasformerebbero in nitrati e fosfati. Questa procedura di fatto crea delle buonissime condizioni igieniche all’interno della vasca e aumenta anche il contenuto dell’ossigino disciolto, oltre a stabilizzare il ph dell’acqua. Unico svantaggio: eliminando i batteri si viene ad eliminare anche qualche elemento utile come lo iodio ed il ferro. Ovviamente si tratta di un problema risolvibile con l’integrazione di oligoelementi specifici in forma liquida che si trovano in qualunque negozio di acquari.

Lo schiumatoio si può installare sia internamente che esternamente alla vasca,  a seconda delle esigenze e dei modelli prescelti, sul mercato ve ne sono di diversi tipologie: per sceglire lo schiumatoio più adatto alle diverse esigenze è  fondamentale tenere in considerazione il litraggio dell’ acquario e il luogo di installazione.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>