Gatto siamese, rubava soldi dalla cassa di un rifugio

di Redazione Commenta

Gatto siamese rubava soldi cassa rifugio

Il gatto protagonista di questa storia non è certamente il primo con la sindrome di Arsenio Lupin… ma questo Siamese di 2 anni l’ha fatta proprio grossa! Ha rubato ben 250 euro dalla cassa di un rifugio per animali in Polonia, senza mai essere scoperto, fino a quando una telecamera nascosta l’ha ripreso all’opera…

Potete immaginare lo stupore dei dipendenti del rifugio quando si sono resi conto, che il ladro che sottraeva denaro dal fondo messo da parte per le piccole spese era proprio, lui, Klemens. Il micio dalla zampa lesta, è proprio il caso di dirlo, è stato colto con le zampe nel sacco! Le immagini hanno svelato non soltanto le sue “malefatte”, ma anche il nascondiglio del malloppo… che era sotto ad un divano.

Come ha raccontato Alina Celniak, la direttrice del rifugio:

Da settimane notavamo la sparizione di soldi dalla cassa per le piccole spese. L’atmosfera era diventata molto tesa perché eravamo convinti che il responsabile fosse un membro dello staff e quando abbiamo scoperto la verità eravamo contemporaneamente contenti e sconvolti.

E voglio ben vedere! L’idea di installare una telecamera nascosta si è rivelata determinante per la risoluzione del “caso”. La direttrice, infatti, ha deciso di lasciare in bella vista alcune banconote sulla scrivania per vedere cosa succedesse la notte e le immagini hanno inchiodato il gatto cleptomane. Verso mezzanotte, Klemens si è introdotto nella stanza, come da copione se l’è svignata con il bottino tra i denti e poi l’ha nascosto sotto ad un divano.

Quando sono andati a controllare tutta la somma mancante era proprio là sotto… ma il Siamese aveva dei precedenti. Come ha raccontato la direttrice del rifugio, era sempre stato un ladruncolo, gli piaceva rubare penne, righe, gomme e altri piccoli oggetti. Chiaramente, mai e poi mai avrebbero immaginato che il felino avesse iniziato a rubare anche i soldi. Vatti a fidare dei gatti!

Photo Credits|Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>