Il gatto bengalese

di Daniela 2

gatto bengalese

Il gatto bengalese, conosciuto anche come gatto Bengal o Bengala, è il risultato di un incrocio ottenuto abbastanza recentemente tra gatti domestici e gatti selvatici, chiamati scientificamente Felis Bengalensis; all’inizio, questi incroci avvenivano per alcune ricerche sulla leucemia felina, dalla quale i gatti selvatici sarebbero immuni. Successivamente, gli allevatori hanno deciso di continuare questi incroci con l’obiettivo di selezionate dei gatti che avessero il mantello maculato come quello del Felis Bengalensis; il gatto bengalese è riconosciuto come razza dal 1991.

Il gatto bengalese è un animale piuttosto robusto e muscoloso, con il corpo massiccio dalla forma allungata e l’ossatura robusta; gli esemplari maschi arrivano a pesare intorno ai 9-10 chili, mentre le femmine si fermano a sei. La caratteristica principale di questo gatto è il pelo, che è corto, ma molto liscio e setoso e con macchie simili a quelle del leopardo, ben visibili e distribuite orizzontalmente.

Il carattere del gatto bengalese è dolce e affettuoso, molto attivo e intelligente, e non ha perso la sua indole di predatore tanto che gli piace arrampicarsi, correre e saltare; si adatta bene alla vita da appartamento ma non disdegna le passeggiate all’aria aperta.

Essendo corto e liscio, il suo mantello richiede poche cure, e le spazzolature vanno intensificate solo durante il periodo della muta per togliere i peli morti; per questa operazione vanno bene le spazzoline a denti stretti. Ricordatevi di curare l’igiene degli occhi e delle orecchie ogni due settimane.

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>