Coronavirus, nuovi lockdown: come gestire gli animali domestici

di Valentina Commenta

La salita della curva dei contagi da Coronavirus sta portando inesorabilmente l’Italia verso un nuovo lockdown generalizzato: in alcune regioni è già attivo e come già accaduto a marzo vi è bisogno di conoscere come gestire i propri animali domestici. Vediamo quali sono le norme da seguire per il momento.

guinzaglio cani quando obbligatorio

Come regolarsi con la passeggiata del cane

A dare una risposta alle perplessità della gente ci ha pensato l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) che ha redatto un prontuario per i possessori di animali e per tutti i volontari che sono impegnati sulla strada nell’accudimento di randagi e colonie feline.  A meno di specifici cambiamenti dettati da nuovi Dpcm fino al 3 dicembre le regioni italiane sono suddivise in tre fasce: gialla, arancione e rossa a seconda del rischio dio contagio. In tutte e tre vi è bisogno di un’autocertificazione per uscire di casa dalle ore 22 alle 5 del mattino per ragioni di lavoro, necessità o salute Come accaduto già la scorsa primavera , i volontari possono continuare ad accudire gli animali: ovviamente è necessario avere sempre con sé la documentazione che attesti che si stia facendo questo lavoro, rispettare il distanziamento sociale e indossare la mascherina. E’ importante ricordare che i distanziamenti rimangono sempre vietati.

Per ciò che riguarda la passeggiata del cane è sempre concessa, a prescindere dalla zona a meno che non si sia positivi: in quel caso non è possibile violare la quarantena. Se si è impegnati tutto il giorno e non si ha modo di portare a spasso il proprio animale prima delle dieci di sera è necessario specificare nell’autocertificazione le motivazioni legate alla mancata uscita prima del coprifuoco.

Visite dal veterinario sempre autorizzate

comportamenti gatto da conoscere

E per ciò che concerne il veterinario? Portare il proprio animale dal suo medico in caso di bisogno è considerata una necessità, un diritto intoccabile: ovviamente nelle regioni che lo richiedono per via del loro stato di rischio legato ai contagi da coronavirus è necessario avere pronta l’autocertificazione relativa allo spostamento. E possibile, tra le altre cose, continuare a svolgere attività di volontariato presso i rifugi ed è anche permesso accudire il cane di quartiere o che si trova libero per strada, specificando nell’autocertificazione, quando richiesta, la nomina a tutor.

È consentito l’accudimento del cane di quartiere o libero. È bene riportare nella dichiarazione quanto necessario per dimostrare la propria attività: stesso discorso è valido per le colonie feline. Quando l’animale da accudire è un cavallo è permesso, a meno che non vengano date disposizioni differenti dalla Federazione Italiana Sport Equestri, raggiungere il maneggio per provvedere ai bisogni del proprio animale.

L’organizzazione relativa agli spostamenti è valida per qualsiasi tipologia di animale si possegga: rimane comunque sempre consigliato essere il più specifici possibile con l’autocertificazione.

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>