Cani e gatti, veri capobranco in famiglia

di Francesca Spanò Commenta

Loro sono troppo spesso vittime di maltrattamenti e violenze, ma cani e gatti, se trovano una famiglia amorevole, sanno diventare dei veri capobranco. Lo conferma una ricerca di Voce Arancio, che fuga ogni dubbio sulla reale condizione della maggior parte degli amici a quattro zampe nel Belpaese, dove non tutti i padroni sono distratti e sgarbati, ma anzi spessissimo regalano al propri pet tanto amore. Secondo i nuovi dati, quindi, nello Stivale ci sono 7 milioni e 400 mila gatti e 6 milioni e 900 mila cani, come rivelano i dati Eurispes e le spese per il loro benessere, svuoterebbero moltissimo il portafoglio di un abitante del ceto medio. La spesa media per allevarli e concedere loro qualche sfizio, si aggirerebbe dunque intorno ai 2,4 miliardi di euro all’anno. Nello specifico: 1,1 per il cibo (670 milioni per i gatti e 450 per i cani), 960 milioni per le visite veterinarie, 337 milioni per gli accessori. Questi ultimi non sono affatto rari fra le quattro pareti domestiche, a partire da cucce griffate, ciotole colorate fino ad arrivare a collari con i brillantini e fermagli luccicosi.

Coloro che hanno preso parte alla ricerca rivelando un quadro generico della situazione italiana, possiedono: il 36,6% il cane e il 28,3 il gatto, dati che rispecchierebbero secondo autorevoli conferme da parte di studiosi americani, un aspetto psicologico ben delineato del padrone.  I proprietari, maschi e femmine, sarebbero attratti dai bambini piccoli, gradirebbero la compagnia di adolescenti e si mostrerebbero maggiormente socievoli, ma è chiaro che non sempre si può generalizzare.

Il dato più curioso dello stesso studio, rivela che gli amanti dei cani sono più aggressivi e hanno maggiore tendenza al predominio a livello sociale. Sono, quindi, favorevoli alle gerarchie e vengono spesso coinvolti in profondi rapporti interpersonali. Il gatto, del resto, ha una storia lunga secoli ed era molto caro a popolazioni come gli Egizi, i Greci, ma anche gli Etruschi e i Romani. Il Medioevo, poi, ne causò la scomparsa di molti esemplari, perchè ritenuti aiutanti delle streghe, soprattutto quelli neri.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>