Cane non gradito in spiaggia e proprietario insultato

di Redazione 10

Cane non gradito spiaggia proprietario insultato

Su una spiaggia di Brindisi si è verificato un episodio di vera e propria maleducazione ai danni di un signore anziano e del suo cane. L’uomo è stato offeso a tal punto da arrivare al pianto. L’episodio è accaduto qualche giorno fa e a raccontarlo è stata una bagnante giustamente indignata.

La “colpa” dell’anziano signore è stata quella di aver portato il suo fedele amico a 4 zampe con sé in spiaggia. Quando è andato a fare il bagno con il cane i bagnati hanno iniziato a mostrare una certa insofferenza e non appena sono usciti dall’acqua hanno iniziato ad insultare l’uomo apostrofandolo addirittura come fosse un criminale. L’anziano, vedovo e con l’unica compagnia del suo Spinone, alla fine non ce l’ha fatta più a sopportare ed è scoppiato in lacrime, poi si è vestito ed è andato via, sicuramente con la promessa di non fare più ritorno in quella spiaggia.

È vero che la spiaggia in questione, pur essendo libera, era sprovvista di cartello che autorizzava l’accesso ai pelosi e che la legge è legge… ma arrivare ad aggredire verbalmente una persona perché fa il bagno con il proprio cane è decisamente troppo. Senza considerare che non sono di certo gli amici a 4 zampe ad “inquinare” i nostri mari o a sporcare la spiaggia, ma come sempre quell’incivile dell’essere umano.

È assolutamente ingiusto che i cittadini di Brindisi non abbiano un fazzoletto di spiaggia libera consentita anche a fido. Come lamenta la bagnante indignata Anna D’Accico:

È assurdo e intollerabile, anche noi brindisini abbiamo il sacrosanto diritto di andare a mare con i nostri cani e non dover correre il rischio di essere aggrediti o multati. Noi non siamo cittadini di serie B. Vogliamo una spiaggia per cani. Da noi ci sono chilometri di spiaggia libera e sporchissima, basterebbe che il Comune autorizzasse l’ingresso ai cani anche solo in una spiaggetta. Non bisogna fare investimenti, solo mettere un piccolo cartello.

Non possiamo che essere d’accordo con lei e ci auguriamo che il Comune di Brindisi provveda a colmare questa grave mancanza. Nello stesso tempo vi invitiamo a firmare la petizione Libero cane in libera spiaggia di Aidaa volta a raggiungere il 20% di spiagge libere strutturate ed aperte ai bagnanti con animali.

Via| Anime Bastarde; Photo Credit| Thinkstock

Commenta!

Commenti (10)

  1. Questi umani cafoni sarebbe ors che imparasseri a stare al mondo! !!!! Disdegnano i cani sti primitivi , che però nn a caso mangiano sulle spiaggie , fumano , bevono lascisndo i propri escrementi sulle spiaggie…ed io a loro dico ( Fate Schifo) !!! Al mattino quando vi lavate i denti sciacquatevi la bocca con l acido muriatico ……..esibizionisti del cazzo

  2. Cafoni invece di ingiuruare gli animali. ..pensate a tenere le spiagge pulite dai vostri escrementi ….cicche e rifiuti cibarie ….fate schifo

  3. Io invece non gradisco in spiaggia i cretini che imbrattano le spiaggie di cicche di sigarette non biodegradabili e che non gradiscono i cani.

    1. Ti quotooooooooooooo!!!!!Per non parlare dei bicchieri di plastica e della carta delle patatine!

  4. Preferisco di gran lunga, fare il bagno con dei cani,che con certi esseri umani….

    1. Gli imbecilli ci sono e ci saranno sempre purtroppo

  5. siamo veramente in confusione… i nostri animali possono stare con noi?non abbiamo ancora chiaro cosa dice la legge…ma al di la di questo…che tristezza per un povero anziano essere insultato e magari cacciato perchè faceva il bagno con il suo amato cane…è triste pensare che fra quelle persone nessuno ha difeso il povero pensionato e il suo cane!

  6. ma nessuno ha difeso questo povero uomo? tutti complici di quelle merde? costretto ad andare via senza che nessuno si facesse sentire…bravi tutti

  7. MA COME SIAMO MESSI CON I DEPURATORI A BRINDISI? SICURI CHE SIA TUTTO OK? altro che i cani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>