Come scoprire se il nostro cane è felice

di Redazione 2

cane feliceLa felicità sfugge a definizioni statiche e circoscritte. Volendo sintetizzare si tratta di un sentimento di contentezza, benessere, piacere, fortuna. Non è, come sosteneva lo scrittore statunitense Ambrose Bierce (autore del Dizionario del diavolo), una sensazione piacevole derivante dalla contemplazione della sofferenza di un altro (anche se alcuni esseri umani sembrano trarre piacere dalla sfortuna dei loro nemici).

Con i cani il discorso si semplifica: i loro sentimenti sono palesi e poco ambigui, contentezza e benessere sono facilmente individuabili, sempre che sappiamo dove e cosa guardare. Come dovrebbe comportarsi un cane felice?
Secondo gli esperti dovrebbe dormire per circa 8-10 ore al giorno, soprattutto di notte. Svegliarsi presto e partire immediatamente alla ricerca di cibo.

cane che giocaDopo colazione, i fedeli amici a quattro zampe appaiono brillanti, attenti, attivi, e sollecitano l’attenzione dei loro proprietari. Inoltre, nel caso ci siano altri cani nella stessa abitazione, dovrebbero interagire positivamente.
Al mattino amano le passeggiate, i giochi e le attività sociali, e riposano tra un’attività e l’altra.
Nel pomeriggio, i cani possono passare un po’ di tempo masticando un giocattolo, esplorando in cortile, o socializzando con altri cani o persone. L’attività del cane si intensifica con l’avvicinarsi del tardo pomeriggio e in prima serata, quando l’emozione per il rientro a casa dei membri della famiglia e per l’avvicinarsi dei pasti diventa incontenibile. Le varie azioni e interazioni che hanno luogo in questo momento sono caratterizzate da interesse e gioia. Gli occhi sono brillanti, le orecchie sono attente, e la coda partecipa all’eccitazione.
In seconda serata il cane ricerca le coccole del padrone e si acquatta tranquillamente ai suoi piedi. Molti cani sollecitano le carezze e e le attenzioni. La pace regna sovrana.

E per quanto riguarda un cane infelice?
L’infelicità nei cani scaturisce da esperienze avverse, interazioni incompatibili con i loro proprietari, la mancanza di esercizio fisico, una routine instabile, noia da mancanza di giochi e stimoli. I proprietari devono ricordare che tutti i “comfort” realizzati per il piacere e l’intrattenimento umano, come telefoni, videoregistratori, computer, mobili e arredamento elegante, non sono molto apprezzati dal cane. Per fare la felicità del cane, bisogna pensare come un cane. Se fossimo un cane ci piacerebbe non avere niente da fare tutto il giorno? Ricevere poche attenzioni dal nostro adorato padrone? Non avere la possibilità di uscire spesso all’aria aperta, di giocare, socializzare, correre senza guinzaglio?

cane e gattoQuando le cose vanno male, gli aspetti della “sindrome del cane infelice” iniziano ad emergere. I cani scontenti spesso dormono di più in un periodo di 24 ore, entrando in uno stato confinante con la depressione e la letargia. Di notte fanno sonni agitati.
La mancanza di attività ludica porta a sviluppare numerosi problemi di comportamento: il cane abbaia e disturba il nostro sonno e quello dei vicini. Distrugge i mobili di casa. Mangia troppo.
I cani con problemi sociali possono essere coinvolti in scontri tra loro o con i loro padroni, non ubbidiscono ai loro proprietari, sono difficili da controllare, e si estraniano. I loro occhi non brillano per l’emozione, ma piuttosto appaiano spenti e vacui. Questi cani possono adottare posture accovacciate, intimidite ed una mancanza di attenzione e curiosità. Molti sono asociali e manifestano sentimenti negativi verso gli altri. E’ importante osservare attentamente il nostro cane per notare uno di questi cambiamenti o attitudini. Nel prossimo articolo, illustreremo i consigli degli esperti per guarire e prevenire l’infelicità del cane.

[Fonte: Petplace.com]

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>