Ulisse, il cane bagnino pugliese, salva anziana

di Redazione 1

Ulisse è un bagnino: l’altro giorno si è tuffato in acqua a Pescoluse, in provincia di Lecce, per salvare la vita ad una bagnante, travolta da un’onda anomala. Nulla di strano, se non fosse che Ulisse è un bellissimo cane di razza terranova di tre anni per sessanta kg di peso.

Quella di Ulisse è la prima operazione compiuta in Puglia dai cani-salvataggio, addestrati dal Sics (Scuola italiana cani di salvataggio): la donna salvata è un’anziana rumena di 74 anni che senza l’aiuto dell’amico a quattro zampe forse non ce l’avrebbe fatta. Ferruccio Pilanga, responsabile nazionale della scuola racconta al Corriere della Sera:

Dall’inizio dell’anno in tutta Italia ci sono stati 16 salvataggi grazie ai nostri cani. Il primo in Puglia si è verificato proprio pochi giorni fa. La nostra squadra è formata da Labrador, Golden Retriever, Terranova, ma anche meticci. Devono affrontare per ottenere l’abilitazione un duro lavoro: sono cani eccezionali, capaci di lanciarsi dagli elicotteri e quindi di salvare i bagnanti anche con mare mosso. Non tutti riescono a concludere l’addestramento e quindi a ottenere il brevetto. Molti vengono riportati indietro dai padroni.

In Italia ci sono circa 350 cani-bagnini: ogni animale deve seguire un lungo e severo addestramento per ottenere il brevetto, che deve essere rinnovato ogni anno. Ulisse appartiene a Luca Navazio, un volontario della Protezione civile di Milano, in vacanza proprio in Puglia, che ha comunicato la sua presenza alla guardia costiera proprio per poter aiutare i bagnanti in caso di pericolo.

La sola presenza di questi animali sulle spiagge dà una sicurezza enorme ai bagnanti. Senza considerare lo splendido rapporto che si crea tra il cane e l’uomo. Noi riusciamo a prevenire molti interventi di salvataggio proprio perchè forniamo informazioni per evitare incidenti in mare». Una decina i volontari che dal Nord si sono spostati in Puglia per trascorrere la vacanze e offrire il loro aiuto sulle spiagge.

Un cane bagnino per essere tale deve senza dubbio amare l’acqua, non deve avere paura di tuffarsi, deve sapere nuotare e avere un naturale istinto al salvataggio: infine deve pesare più di trenta chili, per poter riuscire a trascinare fuori dalle acque le persone, molto più pesanti di lui!

Commenta!

Commenti (1)

  1. forse potremmo anche essere disposti a rinunciare al bagnino forzuto, bello ed abbronzato, per averne uno uno + peloso ma che ci salvi davvero!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>