Napoli, la signora Wanda e i suoi ventitrè gatti

di Francesca Spanò 1

gattoAnimali, chi li adora e chi li maltratta ma, per fortuna, dopo tante storie terribili che coinvolgono soprattutto gli “amici a quattro zampe“, ecco che arriva qualche notizia positiva che testimonia come il rapporto fra gli esseri umani e queste creature viventi, non può essere che positivo. L’Ansa, la nota agenzia di informazione giornalistica, riporta la storia di Wanda, conosciuta a Napoli come “la signora dei gatti” per via del suo incredibile amore per i felini, che l’ha portata a tutt’oggi ad adottarne ben 23. Si tratta per lo più di vittime di maltrattamenti, di incidenti stradali o di altre tristi vicende, che la donna ha accolto in casa sua come se fossero dei figli.

Wanda Palumbo, che abita nel cuore dei quartieri spagnoli, nella città partenopea, ha iniziato circa dieci anni fa ad aiutare gatti con gravi patologie o con poche speranza di sopravvivere e così, piano piano, ha costruito un piccolo rifugio per loro, ricevendone in cambio tanto affetto e gratitudine che le riempie il cuore. Sotto lo stesso tetto, ogni micio ha un nome, una storia e una età che lei tiene bene a mente, rispettando la personalità di ognuno. Del resto sono sempre in aumento le persone che raggiunta una certa età e una buona condizione economica, scelgono di avvicinarsi al mondo animale perchè dona la serenità giusta per affrontare la vita di tutti i giorni; ben più raro però è qualcuno che decide di adottarne un numero così grande nella propria abitazione.

La stessa Wanda, commenta così la sua storia che dovrebbe essere un esempio per chi usa violenza contro questi esseri indifesi: “in realtà ne ho avuti anche di più e sono arrivata a ventisei gatti. E’ solo grazie a loro che non sono caduta in depressione dopo la morte del mio compagno . Ormai per me è come una missione. Sono la mia vita“.

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>