Vaiolo delle scimmie, pericoloso per cani e gatti?

di Valentina Commenta

Il vaiolo delle scimmie è pericoloso per cani e gatti? E’ una domanda che si stanno ponendo in molti da quando il virus è giunto anche in Europa e negli Stati Uniti. Questa zoonosi che riesce ad arrivare occasionalmente all’uomo può mettere in difficoltà i nostri animali domestici?

Cosa sappiamo del vaiolo delle scimmie

Conosciuta anche con il nome di monkeypox a livello internazionale, questa malattia è arrivata a infettare circa cento persone in tutto il mondo. È importante sottolineare immediatamente che non ci troviamo davanti a un’altra pandemia come quella di coronavirus. E per diverse motivazioni.

La prima è che tutte le persone nate fino al 1981 sono state vaccinate contro il vaiolo e quindi presentano immunità anche nei confronti di questa particolare variante. Altra ragione risiede nel fatto che negli ultimi anni sono stati approvati anche un vaccino specifico e un trattamento dedicato. Il vaiolo delle scimmie, sebbene i focolai tendano ad autolimitarsi, è una malattia presente da tempo in Africa.

Ovviamente essendo una virus che può colpire gli esseri umani, i padroni vogliono essere sicuri che un eventuale contagio non metta in pericolo i propri animali.

Pur chiamandosi vaiolo delle scimmie perché per la prima volta isolato su di loro, questa malattia è tipica dei roditori. È importante fare chiarezza su eventuali pericoli per cani e gatti perché nel nostro paese si è andata diffondendo velocemente una fake news a riguardo. Questa raccontava che gli uomini potevano trasmetterla ai cani.

Fake news su cani e gatti

Non è vero: è tutta colpa di un errore di traduzione partito dal resoconto di una precedente epidemia occorsa in America. Nel 2003, negli Stati Uniti, è stata infatti rilevata una epidemia tra roditori selvatici importati dal Ghana. E questi avevano infettato dei cani della prateria, ovvero delle marmotte.  Fino a questo momento non sono mai state segnalate infezioni in gatti o cani.

Al contrario, attraverso una circolare, il Ministero della Salute ci ha tenuto a sottolineare che un eventuale trasmissione all’essere umano dagli animali da compagnia è teoricamente possibile. Per tale ragione il consiglio è quello d’isolare in generale gli animali dalle persone affette dal vaiolo delle scimmie. E fare attenzione alla loro gestione lavandosi le mani con attenzione.

I veterinari, ovviamente consigliano di tenere in perfette condizioni igieniche i propri animali, soprattutto nel caso vi potessero essere contatti pericolosi. Non bisogna avere paura per cani e gatti quindi per ciò che riguarda il vaiolo delle scimmie. Ma dobbiamo fare attenzione in caso fossero presenti fattori di rischio.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>