Tremore zampe posteriori cane, è la displasia dell’anca?

di cinzia iannaccio Commenta

Richiesta di consulto veterinario
Salve, mi chiamo Gabriella ,vi scrivo per saperne di più sui tremori alle zampe posteriori della mia maremmana, età circa un anno e tre mesi, presa in un canile, l’ho portata dal veterinario, abbiamo fatte le lastre, risulta displasica (cioè ha una displasia dell’anca ndr), il mio veterinario e’ contrario ad operare, perché pensa che i tremori e il suo salterellare si possano curare con i medicinali. Vi descrivo brevemente i sintomi: cammina poco, e quando lo fa si siede subito, quando è ferma in piedi i muscoli delle coscie hanno delle forti ( non so se chiamarle contrazioni o tremori), di solito a casa sta molto sdraiata si alza solo se sollecitata da qualcosa, però quando gioca si alza sulle zampe posteriori sembra senza problemi, ne dolori….al tatto non è dolorante, sembra sempre molto stanca….stiamo facendo questa cura., cosa  ne pensate? Previcox una volta al giorno, e legart difender due volte al giorno per 20 giorni, già fatto un ciclo, ma a me sembra peggiorare invece di migliorare.aspetto Vs notizie cordiali saluti…

 

tremore zampe posteriori cane displasia anca

Tipo di consulto Veterinario Comportamentalista
Tipo di problema Tremore alle zampe posteriori e displasia anca pastore maremmano

Risponde il dottor Fabio Maria Aleandri, Medico Veterinario e direttore sanitario del Centro Veterinario Aleandri, con sede in Roma. Per contatti diretti mail [email protected] www.ambvetaleandri.eu

 

Gentile Sig.ra Gabriella La displasia dell’anca può essere responsabile di dolori a livello dell’articolazione dell’anca con conseguenti difficoltà motorie e dolori. Tuttavia la semplice presenza radiografica di displasia non ci autorizza ad addossare eventuali problemi solo a questa disfunzione, dal momento che esistono cani con displasie lievi o moderate che o non manifestano sintomi o ne manifestano molto pochi. Per questo va escluso qualunque altro tipo di problematica prima di essere sicuri della diagnosi. All’età del suo cane purtroppo i vari interventi preventivi per la displasia dell’anca non sono più attuabili e se il problema è quello, la soluzione chirurgica è la protesi dell’anca o l’osteotomia della testa del femore. L’impiego di antinfiammatori e condroprotettori può migliorare la sintomatologia, ma non sempre. La presenza però di questi tremori è il fatto che la cagnolina viene da un canile potrebbero far sospettare anche una forma di cimurro nervoso. Si tratta di una grave complicazione di questa malattia virale caratterizzata dall’insorgere di disturbi neurologici vari tra cui “Tic” che nel cane si manifestano con contrazioni ritmiche e ripetitive della muscolatura degli arti o della testa e del collo. Questo tipo di complicazione  può insorgere sia nelle fasi finali della malattia classica ( scolo oculare, nasale, problemi polmonari, cutanei, diarrea ecc..) sia dopo la guarigione clinica, a volte anche a distanza di anni dall’evento acuto. In qualche soggetto la forma acuta può essere blanda o atipica (solo diarrea per esempio) per cui una forma di cimurro nervoso può comparire  anche in cani che apparentemente non sono mai stai malati. Il fatto che la piccola venga da un canile aumenta il sospetto di questo problema (maggiore possibilità die esposizione al virus) L’aspetto dei tic è abbastanza caratteristico e questo, di solito, ci aiuta a orientarci  o meno verso questa diagnosi. Dott. Fabio Maria Aleandri    Medico Veterinario

 

Per approfondimenti:

La displasia dell’anca nel cane | Tutto Zampe

Cimurro nel cane, sintomi e terapia | Tutto Zampe

 

 

 

 

>> Leggi qui tutte le risposte del Dott. Fabio Maria Aleandri medico veterinario

 

 

Se avete altre domande da porre ai ns veterinari potete visitare la pagina dedicata e riempire il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Il nostro “Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets” non fornisce diagnosi online e neppure la prescrizione di farmaci. Si tratta di un servizio di informazioni ed orientamento che mai potrà essere considerato sostitutivo di una visita specialistica diretta con il medico veterinario. L’invio della domanda corrisponderà all’accettazione di questa condizione di utilizzo.

Per le emergenze rivolgersi al servizio veterinario più vicino.

 

 

 

Foto: Thinkstock

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>