Herpes felino contagio uomo e tra gatti

L’herpes felino si può trasmettere all’uomo? E come avviene il contagio anche con altri gatti? Cosa fare in caso di un gattino domestico? Sono queste domande che è facile porsi, anche perché l’herpes felino (o rhinopneumonitis virale felina -FVR-, virus della rinotracheite o herpesvirus felino 1 -FHV-1) ,  è un’infezione provocata da un virus, dalla sintomatologia simile a raffreddore o influenza, ed è piuttosto comune: è improbabile che colpisca un gatto indoor, ma è frequente specie nei gatti che vivono in colonie o che vengono da un gattile.Ecco cosa occorre sapere sulle modalità del contagio e dunque circa la prevenzione.

 

herpes felino contagio uomo gatti

Gatto respira male, quali cause? Veterinario risponde

Richiesta di consulto veterinario
Salve, due mesi fa ho trovato una gattina di circa 3 mesi per strada e l’ho portata a casa, ha avuto tanti problemi, ma adesso si è presentato un sintomo strano , respira a fatica quando fa le fusa, sembra che ha naso chiuso, non ha la febbre , e ha la raucedine , tossisce con la lingua in fuori, certe volte sembra che si soffoca, ma è strano perchè mangia , gioca , e dorme, tutto normale , tranne respiro. Sono andata dal veterinario , ha detto che ha la gola arrosata , che gli passerà, ma sta peggiorando, aiuto .”

gatto respira male cause

Raffreddore nel gatto: rimedi naturali e omeopatici

Raffreddore gatto rimedi naturali omeopatici

Se il gatto inizia a starnutire, ad avere gli occhi lucidi e a grattarsi il naso con la zampina, molto probabilmente ha il raffreddore, o più precisamente un’infezione delle vie aeree superiori. In genere il disturbo si risolve nel giro di pochi giorni, se il micio è anziano servirà qualche attenzione in più.

I gatti e la neve, curiosi e perplessi

gatto neveMa i gatti cosa ne penseranno della neve? L’Italia e l’Europa sono ancora sotto la morsa del gelo: molte persone e tantissimi animali si trovano in difficoltà, ma c’è anche qualche fedele amico a quattro zampe più fortunato, al calduccio nelle case che guarda con curiosità alla neve. Siamo andati a cercare qualche video in tema. Ieri vi abbiamo mostrato le reazioni di un paio di cagnoloni (qui), ed oggi invece ci concentriamo sui gatti.

Savona: un gatto abbandonato nella neve

gatto neve savona

Abbandonare un gatto in mezzo alla neve, tra il freddo ed il gelo: un gesto insensibile ed ignobile che purtroppo è stato realizzato proprio ieri nella città di Savona. La protagonista della triste vicenda è un giovane gattino di meno di un anno, maschio, trovato semiassiderato a Stella Corona, comune del Savonese, da un gruppo di ragazzi di passaggio, che lo hanno consegnato ai volontari della Protezione Animali locale. I volontari hanno così commentato il gesto folle:

Clamidiosi nei gatti: contagio, sintomi e cura della congiuntivite felina

congiuntivite clamidia clamidiosi gatto sintomi curaSe il vostro gatto è affetto da una congiuntivite, con una abbondante secrezione dagli occhi, potrebbe essere stato colpito da clamidiosi felina. Il Chlamidiophila felis è un particolare batterio della famiglia della clamidia e rappresenta un’infezione molto comune nei gatti che, va detto subito, può essere trattata abbastanza semplicemente. Può iniziare da un unico occhio per poi trasmettersi anche all’altro ed è caratterizzata da uno “scarico” liquido trasparente, acquoso, che diventa sempre più abbondante e denso, tendente al giallo, mano a mano che l’infezione progredisce.

Herpes virus nel gatto: contagio, sintomi e diagnosi

Herpes virus nei gatti. Di cosa si tratta? Di un disturbo molto comune  delle alte vie respiratorie nei felini. I sintomi sono riconducibili ad un raffreddore, con starnuti, lacrimazione degli occhi e soprattutto del naso, ma l’agente virale che lo caratterizza è un altro, appunto l’herpes felino, meglio conosciuto come rhinopneumonitis virale felina (FVR), virus della rinotracheite e herpesvirus felino 1 (FHV-1). Il contagio avviene attraverso il contatto con i muchi infetti (emessi dagli occhi, dal naso, o dalla bocca). Questo capita quando due mici giocano insieme, ma soprattutto se condividono cestini per i rifiuti, cibo e piatti d’acqua con un gatto infetto: accade spesso tra i randagi, nei gattili, nei rifugi e nelle famiglie con più mici.

Infezione delle vie respiratorie superiori nel gatto

Se il vostro gatto starnutisce di frequente, ha il respiro congestionato, il muso che cola, lacrima dagli occhi, non accorre quando sente il rumore della ciotola del cibo, passando piuttosto molto tempo a dormire, il problema, a dire il vero molto comune, potrebbe essere un’infezione delle vie respiratorie superiori. Le zone colpite sono gola, naso e seni nasali come per il raffreddore in noi umani.

Nei gatti, queste infezioni sono abbastanza comuni e molto contagiose. I due virus primari che le provocano sono l’Herpesvirus Felino-1 (FHV), il Calicivirus Felino. Anche la clamidia, un’infezione batterica, può provocare infezioni delle alte vie respiratorie.
I gatti più a rischio sono i cuccioli, i gatti non vaccinati, i gatti anziani ed i gatti che sono venuti a stretto contatto con altri gatti in gattili, allevamenti o che vivono in famiglie con molti altri gatti.

I gatti colpiti da un’infezione delle vie respiratorie superiori diffonderanno periodicamente il virus per tutta la vita nei momenti di stress. E’ raro che l’infezione sia recidiva ma l’animale resterà un serbatoio per il virus. Questi virus non vivono a lungo nell’ambiente e sono facilmente uccisi dai detergenti per la casa, come la candeggina. Purtroppo, i proprietari ignari possono trasportare il virus da un gatto malato all’altro, il tipo di trasmissione più comune per questo tipo di patologie.

Il raffreddore nel gatto

raffreddore gattoI gatti, proprio come gli umani, possono contrarre l’influenza e soffrire di sindromi da raffreddamento. Mentre i casi lievi possono essere curati a casa, molte volte è necessario il consulto del veterinario che prescriverà un ciclo di antibiotici.
Se il vostro gatto ha lacrimazione dagli occhi, il naso che cola e frequenti attacchi di starnuti, anche violenti, è chiaro che sia stato affetto da raffreddore. Un’infezione delle vie respiratorie superiori, più o meno grave, è la causa principale che determina i classici sintomi influenzali.

Può capitare, però, che a causare la lacrimazione degli occhi e gli starnuti sia una qualche forma di allergia di cui soffre il gatto. I gatti che soffrono di raffreddore provocato da allergia, al contrario di quelli colpiti da influenza, starnutiscono anch’essi molto ma non diventano apatici e non sviluppano febbre.
I gatti piccoli e i gatti anziani sono più esposti a raffreddori violenti perchè hanno un sistema immunitario ancora poco sviluppato nel caso dei cuccioli e indebolito se si tratta di esemplari più avanti con gli anni.