Rischiano di estinguersi anche le tartarughe d’acqua dolce

di Redazione 1

Non sono soltanto i cambiamenti climatici e il conseguente aumento delle catastrofi naturali a far preoccupare gli esperti: sono, infatti, sempre di più le creature viventi che rischiano l’estinzione se non si riuscirà ad intervenire in tempo. L’allarme è lanciato continuamente dagli esperti, eppure sembra che non ci siano grossi miglioramenti all’orizzonte e, adesso, anche le tartarughe d’acqua dolce potrebbero scomparire per sempre a breve termine. L’allarme è stato lanciato da poco da Conservation International e sarebbe legato, in particolare, ad alcune specie che devono tenere conto di molti fattori per poter sopravvivere.

I disagi a cui dovrebbero far fronte sarebbero, in particolare, la diminuzione del loro habitat naturale per prima cosa, la caccia a seguire e il commercio indiscriminato. Un terzo delle specie note, non potrà resistere a lungo in tali condizioni e, tra l’altro, la loro eventuale e non impossibile scomparsa, provocherebbe uno scompenso importante a tutto l’ecosistema.

A questo punto la soluzione è sempre la stessa: riuscire a portare avanti comportamenti ad impatto zero. Non c’è da dimenticare, poi, che le tartarughe sono sempre state al centro di credenze, vere o presunte, che riguarderebbero le loro proprietà medicinali e queste le rendono particolarmente preziose da catturare. Se a ciò si aggiunge il fatto che hanno bisogno di un periodo relativamente lungo per crescere e per riprodursi, è facile capire quanto sia alto il rischio di morte per loro. Nei quindici anni necessari per la maturità, arrivano soltanto pochi esemplari. Secondo quanto ha dichiarato alla BBC, il dottor Van Dijk del Conservation International: “Tutta la domanda di tartarughe può essere soddisfatta dall’allevamento. Se siamo in grado di eliminare la raccolta non sostenibile dall’ambiente naturale, abbiamo vinto l’80% della battaglia.La perdita degli habitat naturali a causa dello sbarramento dei fiumi per l’energia idroelettrica è un altro grave problema. La specie più in difficoltà è probabilmente la tartaruga gigante rossa del fiume Softshell”.

Commenta!

Commenti (1)

  1. Allora ho una tartaruga d’acquadolce di 4 anni è da un paio di giorni che è strana sta sempre in un angolo della sua vaschetta ed esce solo per mangiare …è strana xkè nuotava sempre muovendo l’acqua e adesso non fa più nnt …Cosa posso fare lei è abituata a nuotare in acqua bassa e ho paura che se la metto in acqua alta muore aiutoo vi prego …poi li diamo da mangiare dei gamberetti e delle foglie di insalata e giusta l’alimentazione ??? aiuto vi pregooo ci tengo moltissimo a questa tartaruga

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>