Pericolo zecche: ecco come combatterle

di Giulia 1

L’estate porta con se, purtroppo, due pericoli per i nostri amici a quattro zampe: i parassiti, in particolare pulci e zecche. Nel nostro paese si possono incontrare prevalentemente 2 tipi di zecche: la zecca dei boschi (Ixodes Ricinus) che può rendersi responsabile della trasmissione all’uomo di alcune malattie e la zecca del cane (Rhipicephalus sanguineus), che normalmente colpisce solo il cane e solo eccezionalmente si attacca all’uomo o ad altri animali.

Questi piccoli insetti si attaccano alla cute dell’animale e si nutrono succhiando il suo sangue: le dimensioni variano ma possono diventare particolarmente grosse quando sono gonfie di sangue. Hanno un effetto debilitante sul benessere dell’ospite e possono trasmettere alcuni agenti infettivi patogeni agli animali ed all’uomo (es: encefaliti virali). Le zecche più comuni nel nostro paese sono le seguenti:

1) Riphicephalus sanguineus, detta anche zecca dei canili, è frequente in queste strutture d’accoglienza dei randagi. È specie endofila e privilegia quindi gli ambienti interni, parassita soprattutto il cane iniettandovi sostanze che possono risultare neurotossiche. Può trasmettere la Babesiosi, la Rickettsiosi, ed è agente vettore anche di Ehrlichiosi.

2) Ixodes ricinus, detta anche zecca dei boschi, in quanto specie esofila che predilige gli esterni. Parassita i mammiferi domestici, soprattutto cane ed uomo, gli uccelli ed i roditori. È frequente in tutte le zone boschive, soprattutto in Trentino, Friuli e Liguria. Nell’uomo è agente trasmettitore della malattia di Lyme (Borreliosi), che è la più comune zoonosi della quale è vettore la zecca.

3) Dermacentor reticulatus, detta anche zecca del cane, è molto frequente e predilige gli ambienti rurali, boschi e giardini. È vettore di Babesiosi canina.

Per difendere noi stessi ed il nostro amico a quattro zampe dall’attacco delle zecche, occorrerà somministrare sostanze anti acaridi specifiche, con azione  repellente, consigliate dal vostro veterinario di fiducia. Anche bagni specifici e con shampoo antiparassitari sono efficaci: nel caso malaugurato in cui il vostro cucciolo dovesse presentare una zecca, toglietela immediatamente con delle pinzette disinfettate con trementina. Il parassita non respirando tirerà fuori la testa dalla cute e voi potrete estrarlo senza pericoli.

Commenta!

Commenti (1)

  1. Salve, la mia pelosetta, incrocio tra volpino e pincer ha 14 anni, ha un tumore maligno in stato avanzato.. Attualmente sta’prendendo antinfiammatorio e antibiotico.. Da oggi pome, sembra inizi a farle male la zampa, tende a non poggiarla e le esce tipo un liquido trasparente dalla parte, ( sembra acquarella) potrei mandare la foto della parte a qualcuno di voi?!? Mi sembra stia soffrendo.. Sono stata fino a sta mat dalla veterinaria, Mi è stato detto di fare la chemio settimanalmente e Qui mi pongo il problema, ma più che altro mi chiedo, la chemio e’un trattamento aggressivo che io sappia, e’anzianotta e non vorrei farla stare peggio X farla soffrire i suoi ultimi mesi…. Non vorrei dirlo… ma appunto capisco che dovrò prepararmi… Cerco un consigliooo… Iniziò la chemio??? E la parte che in questo momento sta’spaccando che faccio? ho chiamato la veterin. è mi è stato detto di non farle nulla nella parte, di cambiare antibiotico con il cortisone.. Di cui ho il nome… Help my… Ho bisogno di un secondo parere… Se capiterà o ci sarà tempo vi racconterò, ma hanno già sbagliato asportandole una parte, le ho fatto medicazioni X 10 giorni e poi ho capito che era meglio cambiare veterinaria… Da venerdì infatti ho cambiato farmaci.. E oggi abbiamo avuto risultati di vetrini e analisi..
    Lascio la parte spaccare così?
    Cambio antibiotico con cortisone? Questo X subito praticamente…
    E entro lunedì devo decidere se iniziare la chemio? Inizio??
    Graziee spero in una vostra celere risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>