Megaesofago nel cane: cause, razze, sintomi e terapia

di cinzia iannaccio 3

megaesofago caneIl megaesofago del cane è una condizione in cui l’esofago, tratto fondamentale dell’apparato digerente, in quanto sito all’inizio, non funziona correttamente perché “sfiancato”, allargato. In pratica questa situazione impedisce o complica il fenomeno della peristalsi, ovvero quella contrazione dello stesso organo necessaria alla deglutizione e all’ingestione del cibo. Ne consegue quindi una seria difficoltà nel nutrimento di Fido, con le complicanze che potete ben immaginare e di cui parleremo di seguito.

Le cause del megaesofago nel cane

La mancata peristalsi può essere provocata da una malattia congenita (e quindi si manifesta già nei cuccioli) o acquisita, cioè causata da altre condizioni di salute, capaci di sviluppare un megaesofago nel cane adulto. In particolare questa seconda opzione può essere di natura idiopatica (cioè ignota) o provocata da un’ostruzione fisica, come in seguito all’ingestione di un corpo estraneo o allo sviluppo anomalo dei vasi sanguigni dell’esofago. Può inoltre essere causata da una patologia neuromuscolare, come la miastenia gravis o da ipotiroidismo, ipoadrenocorticismo, esofagite, malattie autoimmuni e avvelenamento da metalli pesanti.

Megaesofago congenito nei cuccioli di cane

Un discorso a parte va fatto per il megaesofago congenito nei cuccioli. Di base è provocato da una paralisi totale dell’esofago inferiore: il cibo non può andare oltre e torna su. Alla lunga l’esofago si allarga a tal punto da sviluppare una sorta di palloncino che può addirittura essere visibile sul collo del cagnolino. Non è una malattia frequente, bisogna dirlo, ma è comunque stata segnalata in un certo numero di razze specifiche, cosa che non deve meravigliare trattandosi di una condizione ereditaria. Queste sono:

  • Pastore Tedesco
  • Golden Retriever
  • Alano
  • Setter irlandese
  • Levrieri
  • Labrador Retriever
  • Terranova
  • Schnauzer miniatura
  • Shar-Pei
  • Wire Fox Terrier

Anche delle miopatie ereditarie possono causare un megaesofago congenito.

Sintomi del megaesofago del cane

Il segnale più comune è quello del rigurgito (non vomito) continuo, subito dopo il pasto o nell’arco di poco tempo. Ne consegue una seria perdita di peso/ mancata crescita, indebolimento generalizzato, alito cattivo e gravi attacchi di polmonite da ingestione.

La terapia del megaesofago nel cane

In alcuni casi di megaesofago congenito è possibile una risoluzione chirurgica. Per il resto l’unica cosa che si può fare è nutrire il cane prestando particolari accortezze: Fido deve stare in piedi mentre mangia, poggiando la ciotola su una scaletta o utilizzando speciali sediolini realizzati ad hoc che gli permette la posizione eretta. Il cane dovrebbe rimanere in tale posizione almeno per 15-30 minuti, il tempo che la forza di gravità favorisca la discesa del cibo nello stomaco. Per alcuni cani è preferibile una pappa semiliquida, altri hanno meno difficoltà con i solidi. E’ infine necessaria l’aspirazione dei liquidi nel polmone laddove si manifesti polmonite e l’utilizzo di antibiotici.

Con tanta pazienza il cane potrà crescere e continuare a vivere felice e donando amore.

Fonte: WebMDPet

Foto: Flickr

 

 

 

 

Commenta!

Commenti (3)

  1. Ciao a tutti, vorrei riportarvi la mia esperienza. Ho una femmina di Pastore tedesco di 3 anni nata col Megaesofago: alcuni veterinari ci dicevano che non c’era nulla da fare, solo rassegnarci, ma facendo ricerche on line abbiamo scoperto che in Italia c’è 1 solo veterinario che opera di Megaesofago (e che per fortuna si trovava a soli 50 km da noi), il Dott. Gabriele Mazzocchi della clinica CCMV di Caorso (PC). Detto fatto, a 3 mesi di vita abbiamo deciso di tentare l’operazione che il Dott. Mazzocchi ci aveva spiegato. Bene, se da cucciola rigurgitava 7-8 volte al giorno e vomitava dei veri e propri laghi ogni giorno, ora, migliorando in maniera progressiva grazie anche al peso che prendeva ed all’effetto pompa dell’intervento stesso, se vomita lo fa in quantità irrisoria e comunque 5-6 volte all’ANNO! il problema non può scomparire del tutto, però lo si può ridurre dell’80% circa, in base ai casi, ovviamente. Gli dedichiamo sempre una certa attenzione durante la somministrazione degli alimenti, detto questo, stà facendo e farà una buona qualità di vita come qualsiasi altro cane perfettamemte sano. Datemi retta, provate a vedere il suo sito, cosa ha fatto e cosa fa, il gioco vale la candela….!

    Saluti
    Stefano, Alessandra e MAYA

    1. ho lo stesso problema con il cane di un mio amico…come si chiama il veterinareo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>