Il cane scappa e lo rincorre sui binari: falciato

di Redazione Commenta

treno

Nessuno correrebbe lungo i binari, conoscendone i reali rischi per la propria incolumità, se non per un amore sfrenato e senza riserve. E’ quello che è accaduto, invece, lungo la linea ferroviaria Portogruaro- Treviso che dimostra come il legame che unisce il padrone per il proprio amico a quattro zampe, a volte sia davvero indissolubile. Tutto è avvenuto un pochi attimi: il cagnolino che sfugge, un uomo che corre per riprenderlo e una tragica fatalità: un treno passa e lo investe. In più, è rimasta ferita anche la figlia, di soli sette mesi, che portava nel marsupio. Una tragedia che però rivela un grande cuore e, finalmente, un caso di affetto totale verso una creatura allevata in casa ed, evidentemente, parte integrante della famiglia.

E’ morto in questo modo un enologo di 38 anni, Enrico Zoccolan, di Pradipozzo in provincia di Venezia. Gravi anche le condizioni della neonata che, però, è rimasta in vita grazie al corpo del padre che ha fatto da scudo e che si trova all’ospedale di Treviso. L’evento è accaduto a poche decine di metri dalla casa del protagonista, vicino appunto alla linea ferroviaria e ha lasciato sconvolti i passeggeri e i pendolari che transitavano nella zona.

Dai primi racconti non ci sarebbe nulla da chiarire: il cane, infatti, sarebbe improvvisamente scappato e il padrone ha seguito l’istinto di rincorrerlo senza pensare alle possibili conseguenze. Si è messo a camminare sui binari, ma nella foga non ha visto il convoglio in transito e non ha neppure fatto in tempo a spostarsi. Ovviamente il macchinista del treno ha provato in tutti i modi a frenare, ma era troppo tardi e l’estrema azione non ha portato ai risultati sperati. La bambina, invece, è stata sottoposta ad un delicato intervento chirurgico, ma è ancora presto per comprendere le sue reali condizioni di salute.

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>