Gatti abbandonati di Brindisi aiutati dalle escort

di Redazione Commenta

escort

Delle benefattrici assolutamente inusuali per i mici abbandonati di Brindisi: sette ragazze della provincia di Milano, di professione escort, hanno infatti donato una bella somma di denaro a favore dei trovatelli brindisini. In particolare le ragazze, che si sono rivolte all’Associazione italiana difesa animali e ambiente (Aidaa), hanno deciso di donare ai gatti il 5% dei loro profitti, per una cifra che si aggira intorno ai tremila euro. Ovviamente il presidente dell’Aidaa, Lorenzo Croce si è dichiarato soddisfatto di questa iniziativa personale ed ha commentato:

Le signore, quando lo riterranno e in forma assolutamente anonima, verseranno i loro contributi volontari su un conto. Serviranno ogni mese a sostenere un progetto diretto per la tutela degli animali di Aidaa e di altre associazioni. Oltre al cibo per i gatti senza padrone, i soldi saranno usati per sterilizzare cani e aiutare tutti gli animali che hanno bisogno.

Le contribuzioni, libere e anonime potranno aiutare tanti pelosini in difficoltà ad avere non solo cibo ma soprattutto le cure veterinarie, importanti e spesso indispensabili per salvare la vita di tanti animali sfortunati. Attualmente i gatti randagi sono ospitati provvisoriamente in una casetta nel quartiere Commenda, nella totale inefficienza dell’amministrazione locale che invece si dovrebbe occupare dei pelosini senza casa.

Pensate che la stessa Aidaa sezione locale di Brindisi aveva chiesto al tribunale di Sorveglianza di indirizzare l’ex premier Silvio Berlusconi allo svolgimento dei lavori socialmente utili proprio in favore di questi gatti. Adesso questi amici a quattro zampe avranno delle benefattrici che si occuperanno della loro tutela, a suon di migliaia di euro!

Fonte: Aidaa

Foto credits: Flickr

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>