Epilessia cane, decorso

di cinzia iannaccio Commenta

Richiesta di consulto veterinario su decorso epilessia cane
Buonasera, Come da oggetto, ho una beagle di sei anni alla quale, due anni fa, è stata diagnosticata una forma di epilessia idiopatica, che dall’anno scorso presenta delle crisi a grappolo (mai più di cinque nell’arco di 24-36 ore). Da quel momento, la cagnolina sta seguendo il comune protocollo farmacologico previsto per il trattamento della malattia, ma dalle ultime analisi è emerso una tossicità farmacologica a carico del fegato, per la quale viene periodicamente trattata con farmaci o integratori alimentari. In virtù di ciò, mi viene spontaneo chiedermi cosa debba aspettarmi dal futuro. Le crisi, adesso, sono abbastanza forti e ripetute ad intervalli medi di quattro settimane, ma esiste qualche possibilità che in futuro, con il sopraggiungere dell’anzianità, possano stabilizzarsi e/o diminuire in numero e intensità? E considerata la malattia in sé e la relativa assunzione di farmaci che inizia a pesare sul fegato, quale potrebbe essere la sua aspettativa di vita? Ho qualche speranza di vederla spegnere le dieci-dodici candeline che segnano la vita media di un beagle? O, al contrario, devo aspettarmi che, a causa del suo quadro clinico, la sua aspettativa di vita sia ridotta? Premetto di aver già posto i quesiti agli altri veterinari che la seguono sin dal giorno della diagnosi, i quali mi hanno assicurato che il cane potrebbe tranquillamente raggiungere l’età massima di qualsiasi altro beagle sano, ma desidererei anche un vostro parere medico. Vi ringrazio per l’attenzione. “

epilessia cane decorso

Tipo di consulto Veterinario Generale
Tipo di problema Epilessia, cane, decorso. Cosa posso aspettarmi con il progredire degli anni?

 

Risponde il dottor Fabio Maria Aleandri, Medico Veterinario e direttore sanitario del Centro Veterinario Aleandri, con sede in Roma. Per contatti diretti mail [email protected] www.ambvetaleandri.eu

 

Gentile Sig.ra  In linea di massima i cani affetti da epilessia primaria possono avere una aspettativa di vita simile a quelli sani. Molto dipende dal soggetto. In corso di terapia con barbiturici (penso sia quella che sta seguendo) è normale osservare un aumento nei valori delle transaminasi. Se non supera 4-4.5 volte il valore normale può andar bene. Importante monitorare GGT , acidi biliari (non devono salire) e l’albumina (non deve scendere). Nel caso di una eccessiva tossicità epatica è possibile e indicato cambiare protocollo. Non va tanto bene il ripetersi cosi ravvicinato delle crisi sotto terapia. Forse, ma questo lo devono decidere i colleghi, potrebbe essere utile integrare o variare la terapia

Cordiali saluti

Dott. Fabio Maria Aleandri
Medico Veterinario

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai ns veterinari potete visitare la pagina dedicata e riempire il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Il nostro “Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets” non fornisce diagnosi online e neppure la prescrizione di farmaci. Si tratta di un servizio di informazioni ed orientamento che mai potrà essere considerato sostitutivo di una visita specialistica diretta con il medico veterinario. L’invio della domanda corrisponderà all’accettazione di questa condizione di utilizzo.

Per le emergenze rivolgersi al servizio veterinario più vicino.

Foto: Pixabay

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>