Combattimenti tra cani, traffico di cuccioli e corse clandestine di cavalli: è il Rapporto Zoomafia 2011 della Lav

di cinzia iannaccio 5

Zoomafia, ovvero quel giro d’affari criminale che muove miliardi a spesa della vita degli animali. Il nuovo Rapporto Zoomafia 2011 redatto da Ciro Troiano, criminologo e responsabile dell’osservatorio della Lav al riguardo, parla chiaro: 3 miliardi di euro è il guadagno illegale stimato nell’arco del 2010, secondo i dati che Troiano ha reperito presso tutte le Procure italiane. Pensate che sulle scrivanie degli addetti arrivano circa 12 fascicoli al giorno per reati a danno di animali, l’equivalente di uno ogni due ore. E va evidenziato che si tratta solo dei dati ufficiali, dei casi che vengono scoperti e denunciati, incalcolabile il sommerso. Ma quali sono questi reati?

Il commercio illegale di cuccioli, la gestione di canili fantasma in cui gli animali randagi vengono trattenuti in condizioni igienico-sanitarie e nutrizionali indegne, se non addirittura soppressi, il traffico illegale di animali esotici, ma purtroppo anche e soprattutto le scommesse sulle corse clandestine di cavalli: questi poveri animali vengono obbligati a correre su terreni impropri, dopati, e spesso si feriscono. Nella migliore delle ipotesi vengono finiti, uccisi sul posto e lì abbandonati, ma non mancano i casi in cui vengono fatti a pezzi e macellati. Purtroppo stanno inoltre tornando in voga i crudeli combattimenti tra cani, una pratica che sembrava sopita negli ultimi anni. Ma nel rapporto Zoomafia della Lav c’è molto altro ancora.

Si racconta di come si stia diffondendo sempre di più la pesca di frodo a danno dei pesci, ma anche dell’equilibrio ambiente marino, oltre che della salute degli esseri umani: è nei loro piatti che finiscono i pesci uccisi con delle “bombe” create artigianalmente con una miscela di materiali facilmente reperibili sul mercato, nitrato di ammonio (fertilizzante) e gasolio. Nel rapporto zoomafia si evidenzia anche un altro aspetto: il ruolo di internet. E’ online che ormai si fanno le scommesse clandestine ed è sul web che si seguono le corse ed i combattimenti di animali. E’ tramite la rete che si vendono cuccioli di cane o gatti in modo illegale ed animali protetti. E’ reato, ricordatelo sempre anche ai vostri amici: verificate sempre le fonti, non alimentate questo giro illegale.

Commenta!

Commenti (5)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>