Cani che sanno la matematica? Un banale trucco

di Redazione Commenta

cane matematica numeri contare

Avrete visto in qualche trasmissione televisiva l’addestratore di turno con il cane “da circo” che scommettendo qualcosa lo fa contare? Nelle varie testoline all’ascolto sarà balzata l’idea di chiedersi: “ma come fa un cane a saper contare?”. Il cane è talmente bravo che fa pure il favore a noi ominidi di convertire il numero in numero di abbai, ad esempio il risultato della somma 3+2 = 5 sarà una sequenza di cinque abbai consecutivi, cosa c’è dietro tutto questo? Un trucco.
La realtà è che il cane non impara a fare la più banale operazione matemetica ma gli viene insegnato ad abbaiare a comando in risposta ad un gesto dell’addestratore, che volutamente non chiamo educatore, discreto in modo che il pubblico creda che il cane conosca l’operazione di somma.
Leggendo l’articolo non fatevi venire la malsana idea di trasformare il vostro Fido in un Dirac o Gauss a quattro zampe, tenete ben salda la vostra mente sul concetto che la prima cosa da insegnare per il trucco dell’addizione è l’abbaio a comando. E’ come mandare un bambino di 7 anni con il nostro suv a ritirare una S&W Revolver Hand Ejector II con il tamburo pieno di proiettili, la strage è assicurata.

Detto tra noi trasformare il cane in uno spettacolo circense non è nemmeno una cosa molto elegante, ma se questo non vi bastasse insieme all’esempio sopra riportato immaginate il cane che, ad ogni minimo movimento del vostro braccio, emette un abbaio, capite che solo pochi lo possono fare. Abbiamo svelato il trucco, quindi abbiamo in mano la verità? Forse, secondo un team di ricercatori canadesi della Columbia University di Vancouver guidati da Stanley Coren, noto studioso del rapporto canide-ominide, ha formulato le seguenti conclusioni:

L’intelligenza dei cani è paragonabile a quella dei bambini. Il team ha scelto dei cani ritenuti particolarmente dotati di materia grigia, capaci quindi di riconoscere 250 tra parole, gesti e segni, e li ha messi davanti a test matematici di pari livello a quelli a cui vengono sottoposti dei bambini di 2 anni per capirne il linguaggio e il senso matematico.
Il risultato smentisce quello che avete letto fin’ora, i cani arrivano a contare fino a cinque, non nel metodo sopra descritto ma nel loro linguaggio di gioco.

L’educazione aiuta, secondo Coren tutti gli animali che ricevono un insegnamento dall’uomo aumentano le loro potenzialità, non tanto perché ci mette lo zampino l’essere umano ma perché li sottovalutiamo, dimenticando che la relazione uomo-cane esiste da secoli e va tirata fuori da ogni soggetto. Nello studio sono risultati particolarmente attivie mentalmente razze come il Borde Collie, i cani da caccia e i Retriver, aggiungo io di non sottovalutare nessun cane, specialmente i fantasia.

Commenta!