Cani, ecco perché hanno lo stesso carattere del padrone

di Fabiana 8

Tale cane, tale padrone? Evidentemente avevano proprio ragione i disegnatori de La carica dei 101, storico cartoon Disney degli Anni Sessanta che mostravano come al dalmata Pongo come ogni cagnolina assomigliasse esattamente alla propria padrona.

cane padrone

E se effettivamente non si può non notare una certa somiglianza fisica dei cani nei confronti dei loro padroni, è anche vero che la scienza in effetti ha dimostrato che esiste anche una certa somiglianza nel comportamento dei nostri pets e dei loro padroni. 

Insomma se il cane è strano è il caso di chiedersi se anche il padrone non lo sia: il comportamento dell’animale potrebbe essere il riflesso dell’atteggiamento del padrone. Lo confermerebbe uno studio pubblicato su PLOS ONE che ha analizzato ben 132 coppie di uomo-cane in relazione ai loro livelli di cortisolo, un ormone particolarmente importante che viene prodotto dalle ghiandole surrenali in situazioni di stress psico-fisico.

Dato che può essere misurato attraverso un campione di saliva, i ricercatori hanno potuto analizzare il livello di cortisolo in diverse situazioni che possano aver causato più o meno stress al cane e al padrone. I padroni invece sono stati sottoposti a diversi test per poterne valutarne la personalità catalogandola in 5 tratti riconosciuti, vale a dire estroversione, gradevolezza, coscienziosità, nevroticismo/stabilità emotiva e apertura/chiusura mentale. I dati, nemmeno a dirlo, hanno confermato che ciascun cane rispecchiava la personalità tipo del proprio padrone.

I cani con proprietari con un maggior livello di nevroticismo apparivano più nevrotici, i cani con proprietari più indipendenti apparivano più indipendenti e via dicendo. Insomma quello che è stato confermato dallo studio è che il nostro modo di essere padroni influenza in qualche modo la personalità del nostro cane e viceversa in un processo che viene definito come osmosi emozionale. 

 

photo credits | thinkstock

Commenta!

Commenti (8)

  1. Neuf, Maïs* : « (…) slogans sont bêtes à s’enterrer »Tiens, je croyais que l’ « accroche » avait supplanté le « slogan »… du moins, c’est ce qu’affirmait l’ex ( ?) pubeux futur ( ?) gendre du nouveau véhiculeur (blond comme le blé noir) de la pensée de lâ€l*ngui™lule*a…► Ah que Bernie, elle a bel et bien été bernée*** !* sans OGM ( ?)** Petit ver dont plusieurs espèces sont de redoutables parasites des végétaux (blé, betterave), des animaux et de l’homme. (Classe des nématodes.)*** de l’ancien français brener, vanner le blé

  2. I’ll try to put this to good use imdaeietmly.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>