Blastomicosi nel cane, causa, sintomi e cure

di cinzia iannaccio Commenta

blastomicosi cane sintomi curaLa blastomicosi è una patologia tipica dei cani provocata da un fungo il Blastomyces dermatitidis che vive essenzialmente nei terreni umidi, nei sottoboschi ad esempio o nelle aree urbanizzate sotto porticati e tettoie (predilige il legno). Un cane può infettarsi semplicemente annusando, inalando il microscopico fungo che dal naso arriva nei polmoni per poi diffondersi in tutto il corpo. Ci tengo a sottolineare da subito che è piuttosto raro e la sua diffusione non riguarda l’Europa, quanto essenzialmente gli Stati Uniti, l’Africa, l’ India, Israele ed Arabia saudita, ma è importante conoscerne i sintomi e sapere cosa fare perché la blastomicosi se non trattata può portare al decesso del nostro fedele amico.

Sintomi della blastomicosi nel cane

E ‘importante portare con urgenza Fido dal veterinario se si sospetta la blastomicosi (in caso di frequentazioni di ambienti ed aree a rischio) e si manifestano i seguenti sintomi:

  • Inappetenza e perdita di peso
  • Tosse
  • Difficoltà di respirazione
  • Febbre
  • Cecità o altri disturbi della vista
  • Lesioni cutanee purulente

In generale ricordiamo, essendo questi sintomi comuni a molte malattie del cane, che la blastomicosi sviluppa una micosi granulomatosa che può colpire sia la cute che i polmoni. Spesso i sintomi sono lievi e la diagnosi è tardiva, quando cioè il fungo è arrivato a colonizzare altri organi come le ossa o la prostata. La micosi sulla pelle si manifesta inizialmente con papule tipiche di un eritema localizzate per poi diffondersi e trasformarsi in piaghe ulcerose.

 

Diagnosi

Per la diagnosi è importate conoscere la storia clinica di Fido, a cui va aggiunta in genere una biopsia o un semplice esame al microscopico della pelle (o altri organi coinvolti) oltre che un Rx al torace per valutare la compromissione di polmoni e cuore.

 

Quale cura per la blastomicosi?

In genere si usano farmaci antifungini abbinati ad altre terapie di supporto (a seconda delle generali condizioni di salute del cane). La prima opzione in genere è l’antimicotico chetoconazolo (ketoconazolo), in seconda battuta si usa l’anfotericina B. Se la blastomicosi non si cura, ha un esito mortale. Non esiste un vaccino per la prevenzione e questi medicinali possono avere seri effetti collaterali per cui è sempre opportuno rivolgersi al veterinario per qualunque terapia del caso.

Più raramente la blastomicosi può colpire anche l’essere umano.

 

Foto: Thinkstock

 

 

 

 

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>