Alitosi nel cane: un problema concreto

di Redazione 2

 Denti_Cane

Quante volte abbiamo pensato a come poter risolvere il problema dell’alito cattivo nel nostro amico a quattro zampe? L’alitosi del cane è un problema che in effetti affligge molti proprietari di animali domestici: le sue cause possono essere varie, in ogni caso è sempre meglio consultare un veterinario per avere una diagnosi precisa ed intervenire nel migliore dei modi.

L’alitosi come causa più comune può avere alla base un problema dentario: la prima cosa da fare è verificare la presenza di placca sui denti, facilmente riconoscibile per il tipico colorito marrone e per la localizzazione alla base dei denti, soprattutto premolari e molari mentre nei casi più gravi canini ed incisivi. La placca, come per gli essere umani, è formata da batteri che si formano a causa di particelle residue di cibo e saliva.

E’ importante intervenire in maniera tempestiva, la placca trascurata può portare a patologie più gravi quali gengiviti e malattia periodontale con eventuale caduta dei denti. In secondo luogo l’alitosi può essere causata da problemi intestinali, una digestione lenta o un’alimentazione sbagliata per esempio.

Oltre a queste due cause maggiormente diffuse l’alito cattivo del cane potrebbe altresì essere causato da malattie debilitanti quali tumori, diabete ed alcune patologie auto immuni, che possono essere diagnosticate solo dal medico veterinario dopo attenta visita, ma anche dalla coprofagia (l’abitudine che hanno molti cani di mangiare le proprie feci) o da infezioni dell’esofago. Nei cani vecchi, un’alitosi continua può significare un’affezione renale cronica.

La prevenzione si basa principalmente su una corretta alimentazione, con cibi adatti alla tipologia di cane che si possiede ed alla sua capacità digestiva. Oltre a ciò esistono in commercio dei prodotti specifici per la cura orale del cane, in grado di ridurre l’accumulo di tartaro sulla superficie dei denti e la formazione di placca batterica. Si tratta di ossa masticabili che contengono disinfettanti per uso orale, oppure anche spazzolini specifici per pulire i denti del cane.

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>