Proteggere gli animali dal caldo estivo, il vademecum dell’ENPA

di Tippi 2

come proteggere animali cado estivo vademecum ENPA

Il gran caldo, quando arriva, ce n’è per tutti… anche per i nostri amici a 4 zampe, che patiscono la canicola esattamente come noi. Certo, gli animali disperdono il calore in maniera diversa, anziché sudando aumentando i ritmi respiratori, ma anche loro hanno bisogno delle stesse cose che “ardentemente” desideriamo quando scoppia l’estate: ombra, vento, acqua fresca e cibo facile da digerire.

Come garantire, allora, un estate serena i nostri fedeli compagni di avventure? L’ENPA, ci dà una mano, stilando un vademecum per proteggere i nostri amici pelosi dal caldo:

  1. Mai dimenticare un animale incustodito dentro l’auto. All’interno dell’abitacolo, infatti, la temperatura  interna può toccare anche i 70°, e aprire i finestrini serve a ben poco. E’ una distrazione che può costare la vita del vostro amico a 4 zampe.
  2. Segnalare la presenza di un animale chiuso all’interno di un’auto. L’intervento, in questi casi, può essere provvidenziale. In questi casi, se non si riesce a risalire al proprietario della vettura, bisogna subito allertare le forze dell’ordine, e fino al loro arrivo, creare ombra con dei giornali sul parabrezza e versando un po’ di acqua per bagnare l’animale o farlo bere se i finestrini non sono completamente chiusi.
  3. Abbassare la temperatura in caso di ipertermia. Se il cane ha la pelle bollente, fa fatica a respirare e barcolla è necessario subito intervenire bagnando la testa con acqua fresca e applicando all’interno della cosa dei siberini coperti con un canovaccio di cotone, onde ferire la pelle.
  4. Evitare le passeggiate nelle ore più calde della giornata. Il cane rischia il colpo di calore e di scottarsi le zampe sull’asfalto bollente. Inoltre, quando si esce è opportuno portare con sé una bottiglietta d’acqua e una ciotolina.
  5. Usare la crema solare. Anche i nostri amici a 4 zampe possono scottarsi. Per proteggerli basta applicare un solare ad alta protezione sulle punte delle orecchie e le estremità bianche prima di uscire.
  6. Usare l’antiparassitario. La prevenzione, in questo senso, è tutto, e questo vale non solo per i cani e per i gatti, ma anche per i conigli e le cavie.
  7. Tenere pulito il luogo in cui vive l’animale.
  8. Non esporre l’acquario al sole diretto. Per i pesciolini può essere letale. Inoltre, bisogna cambiare l’acqua regolarmente. Anche gli uccellini non devono mai essere lasciati sul balcone al sole diretto. Le gabbiette vanno posizionate in un luogo fresco e ombreggiato.

Via|ENPA; Photo Credist|ThinkStock

Commenta!

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>