Se il gatto cade…

 
Paola P.
7 dicembre 2009
commenti

caduta gatto Se il gatto cade...Quando si parla di gatti c’è da fare un’importante distinguo, tra quelli che vivono in campagna o comunque liberi di uscire in giardino e rientrare in casa a loro piacimento, e mici che non hanno accesso all’esterno e abitano 24 ore su 24 in appartamento e dunque suscitano maggiori preoccupazioni quando si tratta di farli andare anche solo sul balcone per la prima volta, o ancora se si trasloca e ci sarebbe la possibilità nella nuova abitazione di farli stare all’aperto.

Quello che ci si chiede spesso, avendo sempre sentito parlare dei gatti come di animali equilibristi, in grado di fare salti da più piani e di ricadere sui cuscinetti delle zampe rimanendo quindi illesi, è se e quali rischi corra il nostro gatto quando cade da una certa altezza.

Se i gatti cadono giù dal tavolo, dal primo o dal secondo piano o anche da un mobile piuttosto alto, generalmente ne escono completamente illesi. Le cose ovviamente cambiano quando i piani sono più di due e il micio precipita da altezze considerevoli. Il tal caso le ferite provocate dalla caduta potrebbero essere molto gravi, addirittura mortali. Il numero dei gatti che si ferisce a causa di una caduta è in aumento, in parte a causa della costruzione di palazzi sempre più alti negli ultimi decenni. Le contusioni provocate da atterraggi rovinosi vengono classificate sotto il nome di sindrome da grattacielo.

gatto che cade Se il gatto cade...L’unicità dello scheletro del gatto è uno dei motivi per cui possono rimettersi sulle proprie gambe così in fretta. I gatti non hanno una clavicola, e le ossa nella loro spina dorsale sono più mobili rispetto a molti altri animali. Per queste ragioni, i gatti hanno una libera circolazione delle loro zampe anteriori e possono facilmente piegare e ruotare i loro corpi. Ciò gli consente di atterrare su tutte e quattro le zampe in modo da attutire l’impatto. Questo riflesso di raddrizzarsi immediatamente comincia ad apparire intorno alle 3-4 settimane di età, e si perfeziona a 7 settimane.

Se i gatti cadono da altezze elevate, tuttavia, le zampe non sono in grado di attutire tutte le scosse e l’animale potrebbe riportare un gran numero di lesioni, tra cui il diaframma rotto, lacerazioni del fegato e ossa fratturate.
Ecco perchè è bene fissare delle reti di protezione ai balconi non protetti e sul terrazzo quando si vive in appartamenti situati ai piani alti. Oppure, in caso di verande non coperte, far uscire il gatto solo in vostra presenza e tenerlo sempre sotto controllo. Potrebbe infatti distrarsi inseguendo insetti ed uccellini e precipitare giù.

Commenta!

Articoli Correlati
Il raffreddore nel gatto

Il raffreddore nel gatto

I gatti, proprio come gli umani, possono contrarre l’influenza e soffrire di sindromi da raffreddamento. Mentre i casi lievi possono essere curati a casa, molte volte è necessario il consulto […]

Privare il gatto degli artigli, una pratica crudele

Privare il gatto degli artigli, una pratica crudele

Pensate di privare il gatto delle unghie per evitare disastri su mobili e divani e graffi sulla vostra pelle, e vi state chiedendo se sia davvero un’operazione così crudele e […]

Le vaccinazioni del gatto: perché è importante farle

Le vaccinazioni del gatto: perché è importante farle

Quando si decide di accogliere un gatto nella propria vita, dobbiamo tener conto che dovremo occuparci non solo dei suoi bisogni primari, come il cibo e l’acqua, ma anche, e […]