Vomito cronico nel cane, cosa fare?

di cinzia iannaccio Commenta

Richiesta di consulto veterinario su vomito cronico cane
Buonasera, al mio cane (meticcio di 5 anni di taglia medio piccola) è stata diagnosticata la Leishmaniosi circa 3 anni fa. Da allora abbiamo seguito l’avanzamento di questa malattia e adesso è sotto controllo. Da qualche tempo però, ha cominciato a vomitare, ci hanno consigliato di cambiare alimentazione e da allora mangia solo crocchette cervo e patate. I sintomi sono passati per un po ma ora ha ricominciato di nuovo. Abbiamo cambiato di nuovo alimentazione dandogli crocchette cavallo e patate ma ogni 3-4 giorni si manifestano di nuovo questi sintomi di vomito all’improvviso. Sembra come se avesse delle convulsioni allo stomaco. Il nostro veterinario non sa quale possa essere il motivo, abbiamo provato di tutto. Ci hanno detto che l’ultimo step da fare sarebbe quello di fare una gastroscopia. Lei cosa ne pensa? Grazie

 

vomito cronico cane cosa fare

 

Tipo di consulto: Veterinario Generale
Tipo di problema: Vomito cronico nel cane

 

Risponde il dottor Fabio Maria Aleandri, Medico Veterinario e direttore sanitario del Centro Veterinario Aleandri, con sede in Roma. Per contatti diretti mail [email protected]              www.ambvetaleandri.eu

 

Gentile Sig.ra  In caso di vomito cronico , se le varie terapie non sortiscono effetti , bisogna cercare di risalire alla causa. Escluse le patologie metaboliche (per es. problemi renali, epatici, pancreatici ecc..) mediante analisi del sangue , escluse malattie infettive (nel suo caso se la leishmania è sotto controllo non dovrebbe entrarci) , escluse malattie parassitarie (attraverso analisi delle feci) esclusa una componente alimentare (cambiando più volte dieta) bisogna approfondire mediante esame strumentali. Le due metodiche più utili sono l’ecografia addominale e l’endoscopia. Ci tengo a sottolineare che le due metodiche non sono alternative l’una a l’altra , ma complementari. Infatti l’ecografia permette di investigare tutto l’intestino e lo stomaco con una valutazione degli spessori  e della struttura della parete (cosa non possibile con l’endoscopia che evidenzia solo la mucosa); permette di valutare l’attività motoria dell’intestino e l’aspetto di tutti gli altri organi addominali (per es. è molto importante l’osservazione dei linfonodi regionali). Inoltre si tratta  della sola metodica che permette una valutazione del tratto centrale dell’intestino tenue (l’endoscopia permette solo di valutare stomaco, colon e, se chi la esegue è bravo, duodeno e ileo). La gastroscopia invece ha altri punti di forza. Permette di visualizzare l’esofago (visibile solo in parte con l’ecografia), di valutare efficacemente l’aspetto della mucosa ed eventuali problemi di inspessimento pilorico (che a volte e causa di vomito e che è sospettabile, ma non diagnosticabile con certezza mediante ecografia). Con l’endoscopia si posso evidenziare bene corpi estranei (cosa che si può ottenere anche con l’ecografia , ma in maniera meno efficace) e contestualmente rimuoverli.   Fondamentale è poi la possibilità di eseguire biopsie (e sono queste che nella maggior parte delle volte ci danno la diagnosi). Quindi per un quadro completo andrebbero eseguite entrambe. Generalmente si preferisce fare prima l’ecografia perché meno invasiva (non richiede anestesia a differenza dell’endoscopia) e poi, se non si è pervenuti ad una diagnosi definitiva, eseguire l’endoscopia. Un ultima osservazione perché le risposte siano significative bisogna che ad eseguire le due metodiche siano colleghi esperti con attrezzature moderne e performanti, altrimenti le risposte possono essere insufficienti o, addirittura , fuorvianti. Cordiali saluti  Dott. Fabio Maria Aleandri Medico Veterinario

 

 

 

Leggi anche:

 

 

 

Se avete altre domande da porre ai ns veterinari potete visitare la pagina dedicata e riempire il form:

Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets

Il nostro “Veterinario online, consulti e consigli su comportamento e salute dei pets” non fornisce diagnosi online e neppure la prescrizione di farmaci. Si tratta di un servizio di informazioni ed orientamento che mai potrà essere considerato sostitutivo di una visita specialistica diretta con il medico veterinario. L’invio della domanda corrisponderà all’accettazione di questa condizione di utilizzo.

Per le emergenze rivolgersi al servizio veterinario più vicino.

 

Foto: Thinkstock

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>