Eric, il pappagallo che non digerisce i broccoli (VIDEO)

E mannaggia a quando il veterinario ha prescritto al pappagallo Eric un’alimentazione con una discreta quantità di broccoli ogni giorno! In casa è finita la pace. Il Cacatua corella, soprannominato non a caso Eric the legend, non ne vuole saperne di mangiare cavoli, e più la sua mamma umana prova a mettergli davanti una ciotolina con la verdura, più Eric la rifiuta. Vediamo come…

 

 

La dieta bilanciata per i pappagalli

dieta bilanciata per i pappagalli

I pappagalli sono animali sempre più preseni nelle nostre case: sono uccelli molto delicati, che bisogna curare e gestire in maniera piuttosto esperta. Una dieta bilanciata per i pappagalli garantisce loro una vita più longeva e uno stato di salute senza dubbio ottimale: iniziamo da alcune regole fondamentali per creare una dieta ad hoc sana per questi animali. Per prima cosa iniziate a ridurre la quota di semi, giorno dopo giorno: in questo modo il vostro volatile sarà spronato ad assaggiare altri cibi. Potrete anche mescolare i semi ad altri alimenti come vegetali tagliati sottili, creando del pastone o delle palline, in modo tale che il pappagallo assuma altri alimenti oltre ai semi, senza sforzo.

La dieta casalinga del pappagallo

dieta casalinga del pappagallo

La dieta casalinga del pappagallo è importante per mantenerlo sano ed in forma: la base dell’alimentazione dei pappagalli da compagnia deve essere costituita da una varietà di frutta e verdure fresche, proteine e carboidrati, il tutto in quantità tali da non mantenere un perfetto equilibrio. Vediamo insieme quali sono gli alimenti consigliati, se avete intenzione di acquistare uno di questi animali. Iniziamo dalla frutta: si a mandarini, arance, banane, fragole, uva, albicocche, prugne, fichi, ciliegie, mentre la mela non è molto nutritiva. La verdura va benissimo, sia cotta che cruda: perfetti fagiolini, fagioli, piselli, zucca, zucchini, peperoni rossi, radicchio, carote.

Pappagalli: cose da sapere prima di acquistarne uno

I pappagalli possono essere ben definiti animali domestici, sono molti coloro che ne detengono uno presso la propria abitazione: nonostante si tratti di animali selvatici, molti dei quali protetti, possono essere detenuti in famiglia, seguendo alcuni piccoli accorgimenti che di seguito analizzeremo. In primo luogo, informatevi prima di acquistare un pappagallo, sulle sue abitudini e soprattutto acquistate animali provenienti da allevamenti italiani: non importateli, in libertà ed allo stato brado sono molto più felici che dentro una gabbia.

Mettete il pappagallo in una stanza grande abbastanza per sbattere le ali ed esercitarsi con il volo: ricordate che si tratta di un animale giocherellone, ha bisogno di legno da rosicchiare e ossa di seppia per rifarsi il becco. Si tratta di un animale che ha bisogno di un ampia varietà di cibo fresco e nutriente, e non solamente di mangime secco: non costringete il vostro pappagallo a nutrirsi di solo becchime ma offritegli una dieta varia ed equilibarata, secondo le sue esigenze e secondo le indicazioni del veterinario.

Il pappagallo è un animale che ama socializzare: trascorrete con lui del tempo ogni giorno, fategli sentire la vostra presenza, non tenetelo unicamente su di un trespolo come oggetto di arredamento. Si tratta di una creatura vivente con dei sentimenti, non lasciatelo da solo tutto il giorno: voi come vi sentireste se foste nei suoi panni?