Cani da slitta, diventare Musher in Italia

di Redazione Commenta

musherAmare gli animali al punto da desiderare di lavorare a contatto con loro tutta la vita. Una di queste professioni/passioni è quella del Musher, colui che guida le slitte trainate da cani. Più di un hobby e non per tutti per il quale occorre essere preparati e per il quale è necessario un adeguato training ed una preparazione tecnica mirata.

In Italia questa tradizione è portata avanti ormai da anni, circa 25, dalla scuola fondata da Armen Khatchikian (nelle foto) nel lontano 1983. Si tratta della Sleddog Progres che ha laureato ben 10 mila Musher nel corso della sua intera attività. Con i suoi fratelli Arminé ed Ararad, Armen ha infatti insegnato i segreti di una passione antichissima a tanti allievi che poi sono divenuti a loro volta maestri.

scuola sleddogLa scuola si trova a Brescia, precisamente in Località Case Sparse di Ponte di Legno. Tre ore a contatto con i gli stupendi husky, in tutto sono 48 esemplari, si pagano 120 euro, mentre il corso per ottenere la certificazione di maestro ha una durata complessiva di 15 ore ed un costo di 350 euro.
Se volete iscrivervi o per maggiori informazioni potete contattare i numeri 0364-92231 338-8137697 o visitate il sito della scuola, www.scuolaitalianasleddog.it .

I maestri giurano che l’apprendimento è davvero facile e che richiede davvero poche ore imparare i comandi in antico dialetto di origine alaskana: «gee», a destra, «haw» a sinistra, «hike» per partire e «whoa» per fermare la corsa. Poche ore che regalano però un’emozione fortissima, a contatto con degli esemplari di husky a dir poco stupendi, i discendenti dell’avventura-impresa compiuta da Armen in Alaska nel 1983, la famosa Iditarod. Chi ha frequentato la scuola racconta le indescrivibili emozioni provate:

L’emozione di volare sulla neve è unica. E poi il rapporto con questi splendidi animali fa dello sleddog un’esperienza indimenticabile. Anche per chi, come noi, vive in città e non ha mai avuto né portato a passeggio un cane.

[Fonte: Corriere.it]

Commenta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>