Coma diabetico nel gatto: sintomi, terapia, guarigione

di cinzia iannaccio 1

Anche un gatto può andare in coma diabetico? Ebbene sì, seppur raramente, se il suo diabete non viene tenuto adeguatamente sotto controllo. Ma come accorgersi del tutto? Quali sintomi e come intervenire? Può guarire?

coma diabetico gatto

 

Il diabete nel gatto

Per cominciare cominciamo a spiegare cosa accade dal punto di vista organico in caso di diabete. Il pancreas è un organo adibito a secernere insulina, un ormone che aiuta a controllare i livelli di zuccheri nel sangue che si assimilano con l’alimentazione distribuendo il glucosio agli altri organi in forma di energia. In caso di diabete mellito, questo meccanismo pancreatico si altera, non si produce abbastanza insulina e gli zuccheri non vengono adeguatamente distribuiti rimanendo accumulati nel sangue (iperglicemia o glicemia alta). L’organismo felino risponde in diversi modi a questa condizione: più pipì, maggiore sete, rischio disidratazione e squilibrio elettrolitico, ma anche maggiore appetito, senza necessariamente un aumento di peso. Più il gatto mangerà e maggiore saranno i livelli di zucchero nel sangue con ulteriore tendenza alla disidratazione. Questa condizione se non bloccata per tempo potrà arrivare a depressione, convulsioni e coma. Tutto esattamente come nell’essere umano.

Sintomi

Il coma diabetico è raro perché in genere, prima di arrivare a tali condizioni i sintomi di diabete mellito sono ben evidenti da tempo, a qualunque proprietario minimamente attento a tal punto da meritare un check dal veterinario ed intervenire precocemente. Questi sono:

Bere molta acqua ( polidipsia )
• Molta urina (conseguente poliuria )
• Aumento dell’appetito ma non del peso
• Perdita di peso

Il diabete mellito può avere però anche delle complicanze, in una fase più avanzata e non controllata il gatto può dimostrare i seguenti disturbi:
• Depressione e scarso interesse al gioco
• Mancanza di energia ( letargia )
• Vomito
• Anoressia
• Disinteresse a tutto, tale da dimostrare assenza
• Convulsioni
• Stato confusionale
• Perdita di coscienza
• Coma

 

Diagnosi e cure

In presenza di questi sintomi il veterinario effettuerà una serie di indagini diagnostiche (anche analisi del sangue e delle urine) per individuare la presenza di glicemia alta ed altre patologie che possano aver inibito il funzionamento del pancreas. Da qui le terapie e cure del caso. Se il micio viene individuato come diabetico ma è ancora vigile, attivo e abbastanza in forma, basterà avviare per lui una dieta speciale (da modificare con molta gradualità) e la somministrazione di insulina. Alcuni gatti sono in grado di assumere farmaci per via orale, invece di iniezioni di insulina per controllare la glicemia. In caso di condizioni più serie, ovvero diabete complicato da disidratazione e depressione potrà essere necessario il ricovero in una struttura veterinaria per stabilizzarlo e poi re inviarlo a casa con la terapia per il diabete.

Cosa fare in caso di coma diabetico nel gatto?

Se il gatto finisce in coma diabetico, ha crisi epilettiche o perde conoscenza, è in una condizione di rischio per la vita per cui va immediatamente condotto in un pronto soccorso veterinario dove potrà essere trattenuto alcuni giorni in terapia intensiva. La tempestività dell’azione sarà determinante. Durante il ricovero verrà controllata la presenza di complicanze ed altre malattie come l’insufficienza cardiaca, renale o infezioni. Il recupero sarà possibile ma molto lento, spesso complicato dalle altre patologie oltre che dall’età spesso avanzata. Una volta migliorata la situazione potrà tornare a casa e seguire tutte le terapie del diabete con le dovute visite di controllo.

Prevenzione del coma diabetico nel gatto

Per evitare che il gatto sviluppi disidratazione, convulsioni o coma a causa del diabete, è necessario attenersi alle normali norme di salute ed alimentari del gatto, oltre che sottoporlo ai regolari check up per verificare le giuste quantità di insulina. Sarà fondamentale monitorare costantemente eventuali modifiche nell’ appetito o di comportamento, compresi i livelli di energia. Uno dei problemi di salute che si pone con questa condizione è una maggiore frequenza di infezioni: altro fattore da tenere sotto stretto controllo.

Potrebbero interessarvi anche i seguenti post:

Sintomi del diabete mellito nel gatto

Diabete nel gatto, sintomi cause e cosa fare

Gatto con diabete: 5 cose da sapere (FOTO)

Cura del diabete nel gatto: insulina e farmaci orali

 

Foto: Thinkstock

Commenta!

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>